Affitti non riscossi, nasce una protezione

  • Affitti

Il blocco degli sfratti ha messo in allarme molti proprietari, preoccupati di non poter affrontare il mancato pagamento dei canoni con le dovute tutele, ma la tecnologia può rivelarsi preziosa per fornire un'alternativa a chi vuole mettere a reddito il proprio immobile. Zappyrent, startup tecnologica italiana che punta a semplificare il mercato degli affitti, ha ideato un'innovativa forma di protezione a garanzia dell'affitto a medio termine, a vantaggio sia dei proprietari che degli inquilini.
Il progetto è una novità assoluta a livello europeo e punta a gestire in toto i rischi normalmente a carico del proprietario: questi riceverà l’affitto mensile direttamente dal portale, indipendentemente dal fatto che l'inquilino abbia versato o meno il canone. Ciò annulla, in buona sostanza, ogni rischio legato alla riscossione dell'affitto.
L'affitto assicurato è reso possibile dalla tecnologia. Una fase di screening, gestita grazie a un algoritmo proprietario in grado di analizzare migliaia di informazioni in tempo reale, permette di tracciare profili accurati del potenziale inquilino. In questo modo, la piattaforma riesce a limitare al massimo gli imprevisti derivanti da problematiche economiche e a trovare l’inquilino più idoneo per la stanza o l'appartamento in questione. FP

Articoli Correlati

Come la pandemia cambial'offerta di case in affitto

La pandemia ha ridefinito, tra le altre cose, anche il complesso mondo della locazione: crollati gli affitti turistici

Nuovi rincariper le stanze nelle città universitarie

Secondo Immobiliare.it, quest'anno si registrano aumenti degli affitti agli studenti nella maggior parte delle città

Con la cedolare seccaevasione scesa del 42%

Tra il 2010 e il 2015, i mancati introiti sono passati da 2,3 a 1.3 miliardi di euro. Per Confedilizia, va estesa anche agli immobili commerciali