Le elezioni anticipate "una possibile evoluzione"

  • la crisi di governo

Lo spettro delle elezioni anticipate torna a riaffacciarsi. "Penso che gli italiani non siano qui in questo momento a desiderare il voto tuttavia l'istanza del voto è sempre democratica e se questa crisi non si risolve con l'allargamento della maggioranza, ci affideremo alle valutazioni del Capo dello Stato. Ma noi il voto non lo temiamo e penso che possa essere una delle evoluzioni di questa situazione", ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e dirigente del Pd, Andrea Martella, a Studio 24 su Rai News. Non solo: secondo il vice presidente del Gruppo dem alla Camera Michele Bordo, “per governare serve una maggioranza forte con un progetto politico. Governo di scopo e larghe intese per il Pd non esistono. Se questa esperienza finisce il rischio del voto è oggettivo. Le elezioni sono improvvide in pandemia, ma non possiamo avere paura della democrazia, senza maggioranza e progetto politico è evidente che l'alternativa è il voto.   ConteTer? La forma in questo momento è secondaria: bisogna trovare intesa politica per andare avanti”.

"Se non verrà accolto il progetto che Conte ha illustrato alle Camere, l'alternativa è il voto", ha affermato anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro

Articoli Correlati
la crisi di governo

Draghi al Quirinalecon la lista dei ministri

Il Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi è giunto al Quirinale
la crisi di governo

Draghi al Quirinalealle 19 da Mattarella

Mario Draghi al Quirinale alle 19 dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
la crisi di governo

Per il Governo Draghiil giorno della squadra

Il premier incaricato lavora in assoluto silenzio. Via libera dalla consultazione online del M5S