Rooney si ritira Farà l'allenatore

  • Stelle del calcio

CALCIO Wayne Rooney si ritira dal calcio giocato per dedicarsi interamente al ruolo di manager del Derby County, squadra di Championship (equivalente della serie B italiana) dove dallo scorso novembre rivestiva il doppio ruolo di calciatore e allenatore.

L’ex stella del Manchester United e della nazionale inglese, classe 1985, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 2023. E’ stato lo stesso club del Derbyshire a confermare che, accettando il nuovo ruolo, Rooney ha deciso di terminare «la sua importante carriera di giocatore per concentrarsi completamente sul suo lavoro» in panchina.

Rooney si è detto molto onorato di sedersi sulla panchina che è stata occupata, nella storia, da grandi figure come Brian Clough, Jim Smith, Frank Lampard e colui che ha sostituito a fine 2019, Phillip Cocu. 

E' recordman di marcature sia indossando la maglia dei "red devils" che quella dei "tre leoni".
Il talento di Liverpool, cresciuto nelle giovanili dell’Everton, occupa anche il secondo posto nella classifica dei marcatori più prolifici della storia della Premier League, con 208 gol in 16 stagioni, dietro ad Alan Shearer

Rooney ha debuttato con la maglia dei "toffies" nel 2002 a 16 anni, realizzando anche un gol, in una partita contro l’Arsenal. Nel 2004 ha accettato la corte di Sir Alex Ferguson e si è trasferito a Manchester per una cifra intorno ai 30 milioni di euro, molto alta per l’epoca. Al suo debutto in Champions League contro i turchi del Fenerbahce ha messo a segno una tripletta. Nella sua bacheca ci sono cinque Premier League, una Champions League, una FA Cup, quattro Community Shield, un Mondiale per Club e, conquistata nel suo ultimo anno a Manchester, anche una Europa League. Con l’Inghilterra ha giocato 120 partite e segnato 53 gol. Negli ultimi anni ha vestito, di nuovo e per una sola stagione, la divisa dell’Everton prima di trasferirsi negli Stati Uniti e giocare per il DC United. 

Nel 2020, infine, il ritorno in patria per abbracciare il progetto del Derby County: prima come giocatore, poi come allenatore-giocatore e ora come allenatore. La squadra attualmente naviga nelle parti basse della classifica con un bottino di appena 19 punti conquistati in 22 giornate. Per cambiare rotta il club si affida totalmente a quello che fu considerato all’epoca come uno dei giovani prodigi del clacio inglese sperando che possa avere successo anche nella sua seconda carriera.

AGI

Articoli Correlati
Stelle del calcio

Covid, dramma BellugiAmputate le gambe

Nonostante tutto, scherza: «Prenderò le gambe di Pistorius»