Stella Tennant si è tolta la vita

  • MODA

GB Era considerata una delle modelle più famose degli anni Novanta, al pari di Cindy Crawford e Kate Moss. Protagonista delle passerelle dei più importanti stilisti, da Versace a Chanel, POi lo scorso 22 dicembre, la notizia della morte di Stella Tennant era arrivata all’improvviso, gettando un'ombra sulla sua vita dorata. A soli 50 anni, la modella era stata trovata morta nella sua casa di Duns, in Scozia. Ma la famiglia non aveva rilasciato dichiarazioni in merito alle cause del decesso.

Oggi, a due settimane di distanza, arriva la verità, confermata dalla stessa famiglia: Stella si è suicidata, al culmine di una dura e lunga battaglia contro problemi di salute mentale.

In una dichiarazione pubblica, i parenti della modella hanno infatti affermato che Stella, la cui “creatività, intelligenza e umorismo erano noti a tante persone”, era “malata da tempo” e “non si sentiva più in grado di andare avanti”. Un portavoce della famiglia ha detto al Daily Telegraph: “Stella non stava bene da parecchio tempo. Quindi, è per noi motivo di grande dolore e disperazione sapere che si sia sentita incapace di andare avanti, nonostante l’amore di coloro che le erano più vicini”.

Una fonte familiare ha anche detto al giornale che riteneva fosse “importante aumentare la consapevolezza sui problemi di salute mentale”, che troppo spesso vengono fraintesi e ridimensionati.

Stella Tennant, che aveva origini aristocratiche, in quanto nipote di Andrew Cavendish, undicesimo duca di Devonshire e di Deborah Mitford, si era separata dal  marito David Lasnet la scorsa estate e lascia i quattro figli, Marcel, Cecily, Jasmine e Iris, che hanno dai 15 ai 22 anni.

Il suo primo servizio era stato realizzato sulla copertina di British Vogue nel dicembre 1993, ed era avvenuto, come raccontava la stessa modella, “per caso”. Alla fine di quella giornata di lavoro le era stato chiesto di fare una campagna di Versace a Parigi, finita come copertina dell’edizione italiana. Da quel momento la sua carriera era stata un susseguirsi di sfilate e servizi, sempre in primo piano.

Articoli Correlati

A 50 anni dalla morteCoco Chanel resta icona

Da orfanella a regina della moda parigina: come cambiò la vita di Coco Chanel

Lady Gaga testimonialdi un profumo di Valentino

La moda si riorganizza tra campagne pubblicitarie, sfilate online e rassegne in cui “l'unione fa la forza”

La gatta di Lagerfeldaspirante ereditiera

Choupette e sette umani si contendono il lascito dello stilista