Una Champions senza gironi

  • Uefa

CALCIO La discussione sul previsto rinnovamento della Champions League continuerà questa settimana, con una serie di opzioni di ristrutturazione sul tavolo. Attualmente la favorita tra queste opzioni, secondo The Times, sarebbe il "sistema svizzero" della struttura della competizione che vedrebbe 32 o 36 squadre raggruppate in un unico campionato, piuttosto che gli attuali otto gruppi da quattro squadre. La Uefa sottoporrà all’attenzione degli stakeholder questa ipotesi nei prossimi giorni, ma ci sarebbe già il benestare di Eca ed European Leagues per questo nuovo format, ritenuto in grado di aumentare il merito nella competizione e diventare più attraente anche per i broadcasters.

Entrando nel dettaglio, la riforma confermerebbe le 32 squadre attuali o alzerebbe il numero a 36, per quanto riguarda i club qualificati alla prima fase. Ma ci sarebbe un’importantissima novità: sparirebbero i gironi. Ogni squadra infatti disputerebbe 10 partite (5 in casa e 5 in trasferta) contro 10 avversari diversi. Salirebbe quindi il numero di match disputati nella prima fase, passando dagli attuali 6 della fase a gironi a 10.

Le prime 16 squadre si qualificheranno quindi agli ottavi di finale, con una classifica per la prima fase che sarebbe unica. Le 16 qualificate si affronterebbero poi in maniera incrociata in stile playoff di pallacanestro, con la prima che affronterebbe la 16esima, la seconda la quindicesima e via a seguire. Chi arriva in semifinale, se non addirittura ai quarti, si qualificherebbe automaticamente per la Champions League dell’anno successivo. Le squadre invece dalla 17ª alla 24ª scenderebbero in Europa League. Il vantaggio del sistema è che fornirebbe grandi incontri tra i club che sarebbero accompagnati dall’evidente aumento del valore commerciale, cosa che i più grandi club europei richiedono attraverso la minaccia della Superleague europea. Con questo nuovo sistema sarebbero necessari almeno quattro giorni di partite in più, ipotesi che comporterebbe pesanti ripercussioni sulle Coppe Nazionali.

La Uefa è impegnata in una ristrutturazione della Champions League per l'inizio della stagione 2024.

ADNKRONOS

Articoli Correlati

Rummenigge rivela«Europei in un solo Paese»

Si tratta solo di una possibilità, visti i tempi di pandemia. Ma Ceferin, numero 1 della Uefa, ci starebbe pensando davvero

Il City riammessoin Champions

Clamorosa sentenza del TAS di Losanna. Ora Guardiola giocherà il ritorno col Real. Obiettivo, Lisbona e (forse) la Juventus

Milan, stangata Uefaresta fuori dalle coppe europee

Lo ha stabilito la camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club (CFCB) dell’Uefa per la violazione delle norme del fair play finanziario