Traffico: videocamere intelligenti ovunque

  • Milano

sicurezza Combattere l’abbandono dei rifiuti,  gli eccessi di velocità e aumentare la sicurezza dei pedoni agli incroci. Sono gli obiettivi del “Progetto Sicurezza” presentato ieri da Città Metropolitana di Milano. Un piano pluriennale basato su intelligenza artificiale e videosorveglianza. Il progetto, elaborato da Safety SpA, prevede l’installazione di un centinaio di sistemi di videosorveglianza nelle piazzole di sosta della rete stradale controllata dalla ex provincia. Si tratta di videocamere in funzione 24h/7 con un sistema di “analisi intelligente della scena”, che si attiva in presenza di movimenti sospetti, allertando la Polizia Locale e fornendo i video dell’abuso. Saranno anche installati dispositivi per il monitoraggio del traffico - fino a 60 - che forniranno dati e informazioni utili per elaborare analisi e pianificare interventi nelle aree di traffico intenso. 
Inoltre per prevenire gli incidenti, saranno attivati  dispositivi di controllo dei passaggi pedonali. Il sistema prevede quattro lampeggianti Led ad elevata luminosità posti in prossimità delle strisce pedonali e due segnalatori più esterni, che si attivano solo in presenza del pedone, che allertano i veicoli in transito. Il sistema è dotato di una telecamera che registra un’area di 360°, cioè tutto ciò che avviene nel territorio circostante l’attraversamento. Questo tipo di apparati, a regime, saranno 90.
 Infine saranno attivati di alcuni tra i più innovativi sistemi di controllo   per il rispetto dei limiti massimi di velocità (cioè, gli autovelox), in grado di acquisire in tempo reale le immagini e le informazioni utili per documentare in maniera inequivocabile l’infrazione. 

Articoli Correlati

Aule chiuse in 400 comuniVia ai vaccini agli insegnanti

Tasso di positività all'8,9% in Lombardia

Rissa e raveComune sotto tiro

Sulla folla in Darsena aperta inchiesta

Genovese svela il suo "sistema"

Nell'interrogatorio da San Vittore, l'ex manager nega il secondo stupro e fa i nomi dei pusher che lo inondavano di cocaina