Diversity, Media Awards arrivano gli Oscar dell'inclusione

  • Francesca Vecchioni Diversity

PREMI Tornano per il quinto anno consecutivo i Diversity Media Awards - edizione #staydifferent, gli oscar dell’inclusione che premiano prodotti mediali e personaggi che si sono distinti per una rappresentazione valorizzante della diversità. I DMA, per la prima volta in formula completamente virtuale (presieduti da Francesca Vecchioni, nella foto di Jordy Morell), saranno trasmessi in streaming TRULive (Trasmissione a Rete Unificata) e sui canali social e digital di Diversity domenica 29 novembre alle ore 19:30.

Durante la serata evento, condotta da Melissa Greta Marchetto e ricca di ospiti del mondo della società civile, dello spettacolo, dello sport e della cultura come J-AX, Heather Parisi, Tiziano Ferro, Malika Ayane, Salvatore Esposito, Jo Squillo, Pietro Turano, Vladimir Luxuria, Costantino della Gherardesca, Yoko Yamada, Immanuel Casto, Fabio Canino, Barbara Bonansea, Roberto Vecchioni, Marina Cuollo, David Blank, Drusilla Foer e Loretta Grace, saranno consegnati i premi per le categorie Miglior Film Italiano, Miglior Serie TV italiana, Miglior Serie TV straniera, Miglior Programma TV, Miglior Campagna Pubblicitaria, Miglior Programma Radio, Miglior Prodotto Digitale, Miglior Serie Kids, Influencer dell’anno e Personaggio dell’anno.

L’edizione #staydifferent è anche l’occasione per ripercorrere la storia dei Diversity Media Awards, attraverso i contributi di Francesca Vecchioni, presidente di Diversity e ideatrice dell’evento, e dei vincitori e vincitrici che hanno ricevuto il premio negli anni passati, in un racconto corale che testimonia l’impatto che la rappresentazione della diversity attraverso i media ha avuto e sempre avrà sulla società.

Nati nel 2016 come riconoscimento dedicato alla rappresentazione nei media di persone e temi LGBT+ e da sempre attenti all’intersezionalità del racconto in relazione alla diversity, dalla scorsa edizione i Diversity Media Awards si estendono alla rappresentazione della diversità nelle aree genere e identità di genere, orientamento sessuale ed affettivo, etnia, età e generazioni, disabilità.

In perfetto stile Diversity, la call to action a trasmettere i Diversity Media Awards attraverso i propri canali digital e social è aperta a tutt*, aziende, broadcaster, publisher ma anche utenti privati: chiunque può unirsi a questa voce e aumentare la forza del messaggio. I nomi di coloro che scelgono di partecipare saranno riportati nella pagina dedicata e tutte e tutti riceveranno un badge di partecipazione che potrà essere inserito da subito sui siti e nelle pagine web come simbolo di adesione al progetto. Per registrarsi e ricevere tutte le istruzioni basta andare sul sito: www.diversitymediaawards.it/dmatrulive

I Diversity Media Awards sono realizzati con il Patrocinio del Comune di Milano e della Commissione Europea, con il sostegno del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani e grazie al supporto di aziende come Absolut, Google e Lierac.

DIVERSITY MEDIA AWARDS 2020
LE NOMINATION
MIGLIOR FILM ITALIANO
Genitori quasi perfetti (Indiana Production, Adler Entertainment)
La Dea Fortuna (Warner Bros. Entertainment Italia, R&C Produzioni, Faros Film)
La scomparsa di mia madre (Reading Bloom e Rodaggio Film)
Mio fratello rincorre i dinosauri (Paco Cinematografica, Neo Art Producciones, Rai Cinema, Eagle Pictures)
Tutto il mio folle amore (Indiana Production Company, Rai Cinema, 01 Distribution)
MIGLIOR SERIE TV ITALIANA
Extravergine (Fox Life - Fox Networks Group Italy, Publispei)
La compagnia del cigno (Rai 1 - Indigo Film, Rai Fiction)
Made In Italy (Amazon Prime Video, Canale 5 - Amazon Prime Video, Mediaset)
Ognuno è perfetto (Rai 1 - Rai Fiction, Viola Film, CPTV RAI di Torino, Film Commission Torino Piemonte)
Volevo fare la rockstar (Rai 2 - Rai Fiction, Pepito Produzioni)
MIGLIOR SERIE TV STRANIERA
Euphoria (SKY Atlantic – HBO)
Fleabag (Amazon Prime Video – BBC Three)
Pose (Netflix – FX)
Special (Netflix – Warner Bros. Television)
When they see us (Netflix – Participant Media, Harpo Films, TriBeCa Productions, Foward Movement)
Watchmen (SKY Atlantic – HBO)
MIGLIOR PROGRAMMA TV
Che tempo che fa (Rai 2)
Il corpo dell'amore (Rai 3)
L’assedio (Nove)
Love me stranger (laF – Sky135)
Propaganda Live (La7)
Tagadà (La7)
MIGLIOR CAMPAGNA PUBBLICITARIA
Decido io (Tampax - Publicis Italia)
Love people, not labels (OVS - M&C Saatchi)
Voglio (Amazon Echo – Joint London)
#IAMTHESPORT (Cisalfa – Conversion)
MIGLIOR PROGRAMMA RADIO
Fahrenheit (Rai Radio 3)
Miracolo Italiano (Rai Radio 2)
No Profit (Rai GR Parlamento)
Ordinary Girls (Radio Popolare)
Tg Zero (Radio Capital)
PERSONAGGIO DELL’ANNO
Aboubakar Soumahoro
Emma Marrone
Ghali
Lina Wertmuller
Massimo Bottura
Vanessa Incontrada
INFLUENCER DELL'ANNO
Antonio Dikele Distefano
Fumettibrutti
Licia Fertz
Damiano e Margherita Tercon
Muriel
Papà per scelta
MIGLIOR PRODOTTO DIGITALE
Fanpage (edizione Napoli) - Le lettere dei napoletani ai migranti in difficoltà
Freeda - Io sono Martina
Profilo di Venti - DISLESSIA, ce la spiega Andrea Delogu
Tlon – Oltre la prima impressione (contenuto Facebook)
Vita con Lloyd – La famiglia è… (contenuto Facebook)
Vice - Femministe e antifemministe discutono di parità, sessismo e intersezionalità in Italia
MIGLIOR SERIE KIDS
Berry Bees (Rai Gulp)
I casagrandes (Nickelodeon)
My Little Pony: l’amicizia è magica (Netflix)
Steven Universe (Cartoon Network)
The Dragon Prince (Netflix)
Twelve Forever (Netflix)