Scuola di domenica? I presidi: "Irrealistico"

  • Coronavirus

No alla scuola di domenica: "Ritengo irrealistico pensare di allungare la settimana scolastica anche alla domenica. Mentre il sabato, per moltissimi istituti, è già giornata di lezione”, ha detto il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, sulla questione della riapertura delle scuole Sui trasporti “deve essere chiaro il presupposto, ovvero che lo scopo del trasporto pubblico è far spostare le persone che ne hanno bisogno. Di conseguenza, non è pensabile asservire le persone alle necessità dei trasporti: questa sarebbe una eterogenesi dei fini”.

Quanto agli orari, "sulla possibilità di scaglionare, con gli ovvi limiti di ragionevolezza, gli orari di ingresso a scuola ci siamo già espressi più volte favorevolmente. Il discorso, in linea di massima, va circoscritto agli istituti superiori delle quattordici città metropolitane per i quali possiamo pensare di posticipare l’ingresso alle 9.15. La condizione è che i mezzi di trasporto vengano conseguentemente riorganizzati per permettere agli studenti di arrivare a scuola e poi di rientrare a casa. Non dobbiamo dimenticare che moltissimi studenti affrontano spostamenti che durano oltre un’ora". Conclude Giannelli: “Credo che incrementare le facoltà autonomistiche delle singole scuole permetterebbe a ogni istituto, proprio perché ben conosce le necessità del proprio bacino di utenza, di modulare adeguatamente il servizio. Lo ripetiamo da tempo: scuole diverse, anche all’interno di una stessa area geografica, hanno diverse necessità e le scelte organizzative non devono essere calate dall’alto".

Articoli Correlati
Coronavirus

Errori nei datiLombardia verso arancione

La Lombardia verso la zona arancione una giornata ad alta tensione, condita dalle accuse del governatore Fontana
Coronavirus

Virus nelle fognaturea Hong Kong scatta lockdown

Lockdown a Hong Kong per contenere la diffusione del coronavirus: troppo virus nelle fogne
Coronavirus

Vaccini, Pfizer rassicura"torneremo al 100%"

Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Stefan de Keersmaecker, riferendo la comunicazione dell'azienda