Cariche della polizia davanti alla camera ardente di Maradona

  • maradona

ARGENTINA  Subito dopo l’apertura dei cancelli per accedere alla camera ardente dove si trova il feretro di Diego Armando Maradona, allestita alla Casa Rosada (il palazzo della presidenza argentina), ci sono stati degli incidenti tra la polizia ed un gruppo di persone che ha tentato di abbattere le barriere di contenimento.  

Le forze dell’ordine sono dovute intervenire perché alcuni esagitati hanno cercato di entrare prima degli altri, lo hanno fatto con la forza, ma sono stati bloccati da agenti di polizia. Per mantenere la calma, per non far straripare il muro di persone che era in attesa di far il proprio  ingresso nella camera ardente allestita alla Casa Rosada per Diego Armando Maradona la polizia locale è stata costretta a effettuare delle cariche, che purtroppo hanno prodotto degli scontri tra delle persone, piuttosto scalmanate, presenti all'esterno della camera ardente.

Alcune persone erano tra l'altro  senza la mascherina, che a causa del  Coronavirus è d'obbligo in Argentina. La polizia si era preparata e aveva sin dall'inizio cercato di evitare gli scontri, ma non ci sono riusciti anche perché un gruppetto ha iniziato a spingere e da lì è nata una sassaiola. Diversi supporter del Boca Juniors hanno cercato di calmare gli animi, ma non ci sono riusciti. Sono stati lanciati anche dei lacrimogeni. 

 

Articoli Correlati

Maradona, nel suo corponiente droghe ma psicofarmaci

Zero alcool o droghe illegali, ma psicofarmaci: questi i risultati dell'analisi della polizia scientifica sul sangue e sulle urine di Diego Armando Maradona

Maradona, niente ereditàa ex moglie Claudia e due figlie

Diego Armando Maradona ha escluso dall'eredità l’ex moglie, Claudia Villafane e le due figlie, Dalma e Gianinna

Per la morte di Maradonaindagato il medico personale

Si sospettano possibili negligenze nella gestione del ricovero domestico dell'ex calciatore