Pirlo non vuole cali di tensione

  • Champions League

CALCIO C’è il dubbio Dybala: «Sta ritrovando la giusta condizione. Vedremo se schierarlo dal primo minuto», dice Pirlo. Il tridente dell’argentino con Ronaldo e Morata è più di una possibilità «ma ci vuole tempo». Poi c’è il dubbio sul ballottaggio tra Chiesa e Kulusevski: «Kuluseveki ha giocato tante partite. Chiesa rientra da un infortunio, non è ancora pronto per fare tutti i 90 minuti. Vedremo». Già, vedremo. Pirlo si è tenuto abbastanza sulle generali per quanto riguarda la formazione che stasera alle 21 ospiterà gli ungheresi del Ferencvaros. Un altro problema è l’infortunio di Demiral (out per dieci giorni), che obbligherà a far giocare in difesa «gli arruolabili». Su una cosa però è stato chiaro: «Non voglio cali di tensione, non dobbiamo guardare al risultato dell’andata (un tondo 4-1 ottenuto a Budapest, ndr). Non dobbiamo compromettere il cammino fatto fin qui». Il discorso della qualificazione va chiuso. Punto. Dietro la Signora, seconda dopo il Barça, c’è il vuoto: il 2 dicembre giocherà con la Dinamo, prima di chiudere con i catalani. Niente scherzi.

METRO

Articoli Correlati
Champions League

Porto, Real e Bayern: duraper Juve, Atalanta e Lazio

Le tre italiane pescano dal mazzo di Nyon tre avversari durissimi (ma alla Signora va un po' meglio)
Champions League

L'Atalanta batte l'Ajaxe vola agli ottavi

L'Atalanta approda per il secondo anno di seguito agli ottavi di Champions League superando 1-0 l'Ajax ad Amsterdam
Champions League

Inter fuori dall'EuropaPer Conte flop clamoroso

La mancata vittoria contro lo Shakhtar Donetsk costa all’Inter l’addio all’Europa. A San Siro è finita 0-0. Fuori dalla Champions, fuori dall'Europa League