Pesenti: «Finiti i posti di terapia intensiva Covid»

  • Milano

«Io non so quale sia la  situazione dell’Italia in generale, ma in Lombardia di pressione sulle terapie intensive ce n'è tantissima: non abbiamo più posti liberi per i malati Covid e tutti i giorni dobbiamo inventarli. Oggi, per esempio, alle 17 del pomeriggio, sono rimasti due soli letti, ma probabilmente anche questi saranno occupati se non lo sono già. I malati li mettiamo nelle sale di risveglio delle sale operatorie finché qualcuno non allestisce un posto in più. Ecco qual è la situazione in tempo reale e va così da giorni». A dichiararlo all’Adnkronos Salute è Antonio Pesenti, direttore del dipartimento di Uoc Anestesia-Rianimazione del Policlinico e coordinatore delle terapie intensive lombarde per l’emergenza coronavirus. Lo specialista risponde così al commissario straordinario Domenico Arcuri, che ieri negava criticità nei reparti di terapia intensiva.
La polemica arriva nel giorno in cui il rapporto tra tamponi e positivi in Lombardia sale al 22,8% anche se i numeri assoluti calano (4.128 nuovi casi su 18.037). Quasi dimezzati i morti, 99 rispetto ai 181 di domenica. 120 i nuovi ricoveri, di cui 18 in terapia intensiva, un dato sostanzialmente stabile.  In tutto i pazienti covid in terapia intensiva arrivano a 855, mentre i ricoverati a 7.901.

 

Articoli Correlati

Fontana: «Norme lunari nel Dpcm. Cambiatelo»

Il presidente contro il divieto di spostamento tra comuni. E aggiunge: «Dall’11 dicembre noi zona gialla». Intanto i pm indagano sugli incarichi della figlia

Traffico: videocamere intelligenti ovunque

È il progetto della Città Metropolitana. Sanzioneranno gli eccessi di velocità, tuteleranno i pedoni e combatteranno l'abbandono dei rifiuti

Milano, a novembre 83% di decessi in più

I dati delle prime due settimane. Anche ieri 249 morti