Sostenibilità: Milano stacca Roma e Torino

  • AMBIENTE

AMBIENTE. Trento, Mantova e Pordenone ai primi tre posti del podio, Pescara, Palermo e Vibo Valentia nelle ultime tre posizioni. Milano, Torino e Roma l’ordine di piazzamento delle grandi città. È la classifica stilata dal rapporto Ecosistema Urbano 2020, il report annuale stilato da Legambiente sulle performance ambientali dei capoluoghi italiani, dove u punteggi vengono assegnati sulla base di 18 indicatori in sei aree tematiche: aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia. Date per scontate le prime tre classificate, l’analisi si fa interessante sulle grandi metropoli, con Milano che si piazza al 29° posto, confermando il suo distacco rispetto a Torino (80°), Roma (89°) e Napoli (90°).

Come sottolineato dal rapporto, “la metropoli lombarda è quella che più di tutte negli ultimi anni ha tentato di spostare sempre più su l'asticella della vivibilità urbana riuscendo a rendere stabili alcuni cambiamenti”. In particolare “cresce costantemente lo spazio dedicato a pedoni e ciclisti, aumentano i servizi in sharing (bici, auto, monopattini) e sono ormai stabili i passeggeri trasportati dal servizio di TPL (il capoluogo meneghino è secondo solo al caso particolare di Venezia, con 468 viaggi per abitanti all’anno). Milano è poi l’unica grande città ad avere una rete idrica che perde molto meno del 25% dell’acqua immessa in rete: quarta assoluta con appena il 13,7% di perdite (era 15,2% lo scorso anno); è la città che ha invertito la proporzione tra suolo impermeabilizzato o costruito e crescita di abitanti residenti: è prima nell’indice del consumo di suolo ed è l’unica a totalizzare 10/10, come già lo scorso anno”.

A far perdere posizioni a Torino e Roma sono l’inquinamento ambientale e i trasporti pubblici. La città torinese, infatti, paga i numeri elevati delle concentrazioni di biossido di azoto e i giorni di superamento dei limiti d’ozono. E, con Roma, condivide il crescente numero di auto circolanti (Torino ha 64 auto ogni 100 abitanti, Roma a 62). La Capitale, invece, sconta l’immobilismo nei numeri del trasporto pubblico e gli scarsi i risultati nella gestione del ciclo dei rifiuti, con una raccolta differenziata che arriva al 45,5% e che sale di appena di 2,6 punti percentuali negli ultimi 4 anni, con una produzione pro-capite di rifiuti che continua ad essere tra le più alte in Italia e una differenziata ferma al 45,5%. Il contraltare di un trasporto pubblico in condizioni disarmanti, con mezzi sempre più lenti (il coefficiente del rapporto tra vetture-km/abitanti/anno, per Roma è di 57 contro l’88 di Milano), è l’aumento delle vetture immatricolate (+17.000 negli ultimi 5 anni) e una qualità dell’aria scarsa, con Biossido di Azoto (NO2) in eccesso, 43,5 microgrammi per metro cubo di aria.  

Articoli Correlati

L'estinzione di massafu colpa della Co2

Alla fine del Paleozoico la vita sulla Terra ha subito la più severa estinzione di massa mai registrata. La colpa fu della Co2 dai vulcani

In Russia è giallosulla catastrofe ecologica

Migliaia di carcasse di animali sulla costa a Kamtchatka

Il mistero delle balene spiaggiate

Corsa contro il tempo in Tasmania per salvare i cetacei ancora bloccati. L’esperto: «Esistono una serie di concause»