Lite sui numeri ma è zona rossa

  • Milano

Scende dal 21% di martedì al 17,7 il rapporto fra tamponi effettuati (43.716) e i nuovi positivi, 7.758, in Lombardia, 3613 nel milanese, 1726 in città. 96 i decessi. I numeri sono stabili ma sempre alti, troppo alti perché la Lombardia non finisca nella zona rossa, come confermato ieri sera dal premier anche se l’entrata i vigore delle nuove misure è slittata a domani.  Il governatore Attilio Fontana contesta al Governo di fare le sue valutazioni sulla base di dati vecchi di 10 giorni.  Nervosismo anche da parte del sindaco Beppe Sala che twittava: «Caro Governo, sono le 6 di sera, un bar milanese sta chiudendo e ancora non sa se alle 6 di domani mattina potrà riaprire. Quando glielo facciamo sapere?».
Mentre tutte le categorie invocano aiuti e gridano al disastro economico, l’Atm avvisa gli utenti che con la riduzione dall’80%  al 50% della capienza dei mezzi, soprattutto del metrò, potrebbero formarsi delle code nei mezzanini e alle fermate nelle ore di punta. Intanto già da oggi verranno sospese l’Area C, la ztl in centro, e la sosta nelle strisce blu e gialle che non sarà più a pagamento.

Articoli Correlati

Occupazioni al liceoper protesta contro la DAD

Le iniziative dei collettivi al Severi Correnti, al Tito Livio e al Volta

Albero ferma tramin via Pascoli

Per fortuna non ha colpito il mezzo, ma solo la linea elettrica

Lombardia, gli studenti in classe il 18 gennaio

Dopo la sentenza del Tar contro la Dad fino al 24