Roma va al coprifuoco Movida ko e zero alcol dalle 21

Chiuse al pubblico, nelle giornate di venerdì e sabato, dalle 21 alle 24, le aree della movida romane di Campo de Fiori, piazza Trilussa nell’area della scalinata, piazza Madonna dei Monti, le aree pedonali di via del Pigneto e via Pesaro. Mentre parte il coprifuoco nel Lazio, la sindaca di Roma ha firmato l’ordinanza che prevede la chiusura delle aree di maggiore affollamento per contenere e gestire l’emergenza coronavirus. La possibilità di chiudere alcune piazze era stata prevista dall’ultimo decreto della presidenza del consiglio dei ministri che affidava ai comuni la decisione di assumere simili provvedimenti. 

L’ordinanza firmata ieri sera dalla sindaca Raggi sarà valida fino al 13 novembre “fatta salva la possibilità di successiva reiterazione e/o modificazione in conseguenza dell’evolvere della situazione epidemiologica”. Si potrà solo camminare nei corridoi disegnati dalle forze dell'ordine in presidio per raggiungere pub e ristoranti. Per chi violerà il provvedimento sono previste sanzioni da 400 a mille euro. Piazze e strade dunque, come annunciato ieri dal prefetto di Roma Matteo Piantedosi, transennate e controllate dalle forze dell’ordine.

Accanto all'ordinanza sulla chiusura delle piazze della movida firmata ieri dalla sindaca di Roma Virginia Raggi il Campidoglio sta lavorando in queste ore a un'ordinanza anti minimarket al fine di evitare rischi di assembramenti nelle zone della movida. Il provvedimento prevederà il divieto della vendita di alcolici nei giorni di venerdì e sabato, dalle 21 alle 7 del giorno successivo, da parte di chiunque risulti autorizzato, a vario titolo, alla vendita al dettaglio, per asporto nonché attraverso distributori automatici e presso attività di somministrazione di alimenti e bevande. La misura - spiegano dal Campidoglio - si rende necessaria in considerazione dell'evolversi dell'emergenza sanitaria, al fine di limitare il rischio dei contagi dovuti ad assembramenti di persone per la movida. Rispetto alla consumazione e somministrazione all'interno dei locali, valgono le regole del Dpcm: si potrà consumare al tavolo fino alle 24 mentre è vietata la consumazione al banco dalle 18 in poi.

Articoli Correlati
Coronavirus

Curva in calo, ma a Natale"niente assembramenti"

Iss: non è il momento di abbassare la guardia per non ripetere gli errori di agosto
Coronavirus

Indice di contagio a 1,08Ancora alti i deceduti: 827

L'indice di contagio Rt in Italia è sceso a 1,08 nella settimana 16-22 novembre, contro l'1,18 della settimana precedente
Coronavirus

Scuola di domenica?I presidi: "Irrealistico"

No alla scuola di domenica dai presidi