Ricompare la sigla TI su una BMW tutta pepe

  • Auto novità

AUTO La nuova 128TI riporta in auge una sigla tradizionale di BMW. Dagli anni sessanta, infatti, il badge TI che sta per turismo internazionale è stato abbinato a modelli come le iconiche 1800 TI e 2000 TI fino a323ti Compact e all’ultima 325ti Compact degli anni novanta. La compatta 128TI, invece, si riconosce per i loghi sulle fiancate, per le pinze dei freni rosse e i cerchi di lega specifici. La base è quella della versione più performante M Sport a cinque a cui si aggiungono degli inserti, rossi o neri in base alla colorazione esterna, anche per paraurti e minigonne.

E veniamo all’abitacolo personalizzato con i colori rosso e nero. Di serie c’è poi la finitura in nero lucido di mascherina e di cornici dei vetri, mentre i gruppi ottici oscurati sono opzionali. Il colore rosso torna anche nell'abitacolo, dove lo si ritrova sia nelle cuciture del volante, con alcune sezioni in Alcantara, sia nel disegno dei sedili anteriori che sono sportivi e rivestiti in tessuto. Il logo TI è invece ricamato sul bracciolo anteriore. In opzione, è possibile scegliere gli interni foderati di pelle con cuciture blu o rosse e i sedili sportivi con poggiatesta integrati. La 218 TI è stata realizzata del reparto sportivi di BMW e sotto il cofano offre il 2.000 cc TwinPower Turbo a benzina da 265 cv di potenza e 400 Nm di coppia abbinato esclusivamente alla trazione anteriore e a cambio automatico a 8 marce con comandi al volante. La coppia è costante da 1.750 a 4.500 giri, mentre la potenza è erogata da 4.750 a 6.500 giri. Il prezzo di listino della BMW 218TI è di 42.500 euro.

CORRADO CANALI

Articoli Correlati
Auto novità

Suzuki Across plug-inArriva la versione "top”

Accanto alla "Yoru", che diventa entry level, ecco la declinazione più "preziosa"
Auto novità

Nuova Hyundai Tucsonin vendita da 29.400 euro

La Casa coreana lancia la quarta generazione del suo suv medio
Auto novità

Mercedes elettricaPronti nuovi modelli

Sono otto e saranno sul mercato entro il 2022, il primo sarà presentato in gennaio