Milan-Bodø Glimt Una notte da Ibra

  • Europa League

CALCIO  Dopo aver superato senza patemi lo Shamrock Rovers al secondo turno preliminare, questa sera a San Siro il Milan si troverà di fronte i norvegesi del Bodø Glimt, per il terzo turno preliminare di Europa League. E Stefano Pioli non si fida neanche un pò. «Prepariamo la gara come se fosse una finale, per i nostri avversari è la partita della vita. Le partite vanno affrontato con determinazione, loro hanno vinto 18 partite su 20 ufficiali e pareggiate due». Tradotto: per tagliare la testa al toro e non correre troppi rischi serve il vero Milan ed una notte da Ibra. «Mi ha stupito la sua ottima condizione fisica -ha detto Pioli  a proposito di Zlatan Ibrahimovic, autore di una doppietta all’esordio in campionato contro il Bologna e del primo gol in Irlanda in Europa League- ha avuto qualche acciacco all’inizio, ma si è fatto trovare pronto». La formazione?  Ci sarà  un solo cambiamento rispetto a lunedì: Alexis Saelemaekers prenderà il posto di Ante Rebic, ancora squalificato. Nel frattempo Leo Duarte ieri è risultato positivo al Covid-19. Il difensore è stato sottoposto al tampone, come del resto tutta la squadra, ed è stato prontamente posto in isolamento domiciliare. Gli altri giocatori, ha fatto sapere il club rossonero, sono risultati negativi. Ma tutto il gruppo squadra, nel rispetto del protocollo, è stato sottoposto a un secondo tampone: i risultati sono attesi nelle prossime ore. In caso di vittoria agli spareggi i rossoneri troveranno la vincente di Besiktas-Rio Ave, giocando in trasferta.

Articoli Correlati
Europa League

Roma corsara: 2-0e sedicesimi raggiunti

I giallorossi espugnano il campo del Cluj grazie al francese Veretout (punizione e rigore)
Europa League

Il Milan mancauna buona occasione

In vantaggio a Lille, sul campo della capolista, il Diavolo si fa raggiungere. Rimandato il discorso qualificazione
Europa League

Roma, Fazio “negativo”Con il Cluj c'è anche Dzeko

Il bosniaco, dice Fonseca, giocherà probabilmente alcuni minuti. Problemi in difesa: sarà a quattro?