Willy, i fratelli Bianchi "Non lo abbiamo toccato"

  • colleferro

“Non lo abbiamo toccato, respingiamo ogni accusa. Siamo interventi per dividere una rissa. Abbiamo visto un parapiglia e siamo arrivati”. Così Marco e Gabriele Bianchi, i due fratelli di Artena, accusati dell'omicidio di Willy Monteiro, durante l’interrogatorio di convalida dell'arresto davanti al gip di Velletri nel carcere romano di Rebibbia.  “Siamo dispiaciuti e distrutti perché accusati di un omicidio che non abbiamo commesso”.

Accusa. Per la morte di Willy sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Colleferro quattro giovani: si tratta di Mario Pincarelli 22 anni, Francesco Belleggia di 23 anni e dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi rispettivamente di 24 e 26 anni, accusati di concorso in omicidio preterintenzionale.

Movente razziale. È escluso il movente razziale e politico nell'omicidio di Willy Monteiro, ucciso nella notte tra sabato e domenica a Colleferro, vicino Roma. Lo affermano all'Agi fonti investigative. 

Articoli Correlati
colleferro

Colleferro, indagaticon sussidio di Stato

Percepivano il reddito di cittadinanza gli accusati dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte
colleferro

Si cerca sangue di Willynell'auto dei Bianchi

I due fratelli in carcere temono ritorsioni
colleferro

Willy, arresti convalidatiParla la madre dei Bianchi

Insulti alla vittima sui social, aperta indagine