Guaio camici per Fontana

  • Milano

Giustizia Non sarebbe stata una donazione di camici quella effettuata da Dama, Spa di proprietà per il 90% del cognato e per il 10% della moglie del governatore Attilio Fontana, bensì una vera e propria fornitura data senza gara da 513 mila euro. Anzi, la donazione sarebbe servita a coprire un  affidamento che non si sarebbe potuto fare per un chiaro conflitto di interessi. 

È l’ipotesi sulla quale sta indagando la procura di Milano, che ipotizza il reato di turbata libertà nella scelta del contraente. Indagati, a oggi, Andrea Dini (cognato di Fontana e Ad di Dama) e il dg dell’Agenzia regionale per gli acquisti (Aria), Filippo Bongiovanni. Ieri è stata un’altra giornata di interrogatori:   è stata sentita per 7 ore Carmen Schweigl, responsabile della struttura gare di Aria. Dai primi elementi acquisiti, ma anche da dichiarazioni raccolte, sarebbe emerso che l’offerta di Dama ad Aria e il successivo ordine non era una donazione, ma un contratto di fornitura. Il sospetto degli inquirenti è che la trasformazione della fornitura in donazione sarebbe stata simulata e sarebbe avvenuta solo perché la trasmissione “Report” aveva iniziato ad interessarsi alla vicenda. 

S’indaga anche sul fatto che i camici effettivamente forniti sono stati meno di quelli ordinati (45 mila contro i 75 mila previsti) e che lo storno delle fatture riguardava una cifra inferiore rispetto a quella pattuita. Dama, il 20 maggio, quando  trasformò la fornitura in donazione, “regalò” solo i camici effettivamente consegnati a quella data, e  smise di consegnare quanto avrebbe dovuto ancora dare. A inguaiare Dini sarebbe il documento dell’offerta della fornitura che riporta la sua firma, mentre il cognato di Fontana ha sempre sostenuto di non sapere che i suoi collaboratori avessero fatto pagare il Pirellone. Dini ha sempre parlato di “errore”.  Altro punto chiave è che Dama, per avere affidamenti da Regione, avrebbe dovuto sottoscrivere, per i pm, il previsto “Patto di integrità”, dichiarando il conflitto di interesse per la presenza in società parenti di Fontana. Documento che però non sarebbe stato firmato. Andrea Sparaciari

Articoli Correlati

Milano, Hu supera RossiCinese il cognome più diffuso

E' cinese, Hu, il cognome più diffuso in assoluto a Milano: supera Rossi anche nella graduatoria femminile

Trovati e sequestrati i camici di Fontana

La Gdf li ha bloccati nel magazzino della società Dama, la Spa di proprietà del cognatgo e delal moglie del governatore lombardo

Trovati e sequestrati i camici di Fontana

La Gdf li ha bloccati nel magazzino della società Dama, la Spa di proprietà del cognatgo e delal moglie del governatore lombardo