Hakimi è dell'Inter ma Conte pensa al Brescia

CALCIO  La sofferta vittoria di Parma ha riportato un pò di sereno in casa Inter, tre punti che di fatto hanno “blindato" la qualificazione in Champions League e che consentono di tenere vive le speranze di un clamoroso riaggancio alla vetta della classifica. Antonio Conte, che  stasera contro il Brescia tornerà in panchina, avrà sicuramente riflettuto su cosa non ha funzionato al Tardini per circa 85 minuti, visto che fino al pareggio di de Vrij i nerazzurri erano stati a tratti dominati dai ragazzi di Roberto D’Aversa. Contro le Rondinelle il tecnico dovrà ancora fare a meno dello squalificato Skriniar in difesa, dove Godin dovrebbe partire ancora da titolare. Sulla trequarti Conte dovrebbe confermare Eriksen nonostante la prova incolore di domenica sera. Essenziale dare continuità al regista danese, l’unico capace di accendere la luce in mezzo al campo viste le condizioni ancora non perfette di Brozovic. In attacco spazio ovviamente alla coppia Lukaku-Lautaro con Sanchez pronto all’occorrenza. «Mi aspetto un Brescia che viene a San Siro per fare risultato, perché ha bisogno di cercare punti su ogni campo quindi bisognerà fare molta attenzione, ma al tempo stesso anche noi siamo assetati di punti e abbiamo voglia di vincere - ha sottolineato il "martello" Conte presentando la sfida ai microfoni di Inter Tv - C'è pochissimo tempo per preparare la gara però sappiamo qual è l’obiettivo, fare una buona partita e cercare di ottenere il massimo, quindi i 3 punti. Sappiamo che è un mini torneo e abbiamo bisogno di ottenere la vittoria».

Ma non solo presente, l’Inter guarda anche al futuro tanto che ieri ha svelato le maglie della stagione 2020/2021 che avranno come particolarità le tradizionali righe nerazzurre non più diritte ma a zig-zag. E sempre guardando all’annata che verrà, oggi prima giornata milanese di Achraf Hakimi. Il terzino di origini marocchine è atterrato a Linate su un aereo privato intorno alle 10.50 per poi recarsi in città per le tradizionali visite mediche prima di firmare il contratto - della durata di cinque anni - con il club nerazzurro. Hakimi, che in questa stagione ha giocato in prestito con il Borussia Dortmund, è stato prelavato dal Real Madrid per 40 milioni di euro più 5 di bonus. Il neo acquisto nerazzurro andrà a guadagnare circa 5 milioni a stagione. «È arrivato il momento di chiudere una parentesi molto importante della mia vita. Dopo due anni meravigliosi, lascio questo club che mi ha donato tanta allegria. E’ stato incredibile quello che ho ricevuto dal club e dalla gente. Dortmund è stata la mia casa per due anni, il saluto su Instagram di Hakimi ai tifosi del Borussia. Aspettando le prime parole da nuovo giocatore dell’Inter.