Calcio, Serie A avanti porte chiuse per un mese

  • il virus cinese

CALCIO Aspettando che il calcio tra una lite e l’altra decidesse cosa fare, la decisione l’ha presa il governo. Ai tempi del coronavirus si giocherà   senza pubblico, punto e basta, almeno    fino al 3 aprile. Poi, si vedrà. «Le porte chiuse potrebbero essere l’unico strumento per portare a termine il campionato», ha ammesso  l’ad dell’Inter, Beppe Marotta, interpretando il pensiero di tutto il consiglio di Lega riunito al Coni. 
 
Risolta la questione, adesso la palla - è il caso di dire - passa al campo. Ma anche qui la questione è complicata: dopo la mancata disputa della semifinale di ritorno di Coppa Italia Juventus-Milan, ieri è stata annullata pure l’altra, Napoli-Inter (che avrebbe dovuto giocarsi questa sera). Quel che è certo, stando alle indicazioni del Consiglio di Lega, è la volontà di recuperare questo weekend le sei gare di campionato  (Milan-Genoa, Udinese-Fiorentina, Juventus-Inter, Sassuolo-Brescia, Parma-Spal, Sampdoria-Verona) saltate nello scorso fine settimana. L’opzione lunedì 9, è destinata a saltare. Sarà così il derby d’Italia, domenica sera, alle 20.45  a chiudere una giornata  anomala, spalmata su due settimane. 
I conti che ancora non tornano
Resta tuttavia ancora da trovare una soluzione, a meno che Juve e Inter non decidano di farsi eliminare  dalle Coppe europee, su   quando recuperare le due semifinali di Coppa Italia e Inter-Sampdoria di campionato. Ma per questo c’è tempo.  

Articoli Correlati
il virus cinese

“Un po' di sollievoma la guardia resta alta”

La ricetta di Codogno, il primo comune colpito dal virus, ma dove non si registrano nuovi casi
il virus cinese

Tutti i laboratoriimpegnati su un vaccino

Ecco i laboratori del mondo impegnati a trovare un vaccino contro il coronavirus
il virus cinese

Italia, chiusi i negozitranne alimentari e farmacie

Chiusi in Italia tutti i negozi eccetto gli alimentari e le farmacie. Lo ha annunciato il premier Giuseppe Conte