I grani antichi hanno meno glutine?

  • sani fake

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità www.issalute.it

Non ci sono prove scientifiche sufficienti per ritenere che le varietà di grano coltivate circa un secolo fa, recentemente reintrodotte in commercio, abbiano proprietà nutrizionali che le rendono preferibili ai grani moderni e che siano adatte ai soggetti celiaci. Negli ultimi anni sono state reintrodotte sul mercato alcune varietà di grani cosiddetti “antichi”, presentati come più autentici, meno raffinati, più digeribili. La scelta commerciale ha lasciato spazio alla diffusione di alcuni falsi miti, talvolta utilizzati per giustificare costi di vendita piuttosto alti. Non è vero, per esempio, che i grani antichi siano più autentici, in quanto non sottoposti a selezione genetica. E per quanto riguarda la quantità di glutine, non è vero che i grani antichi ne contengano meno dei grani ottenuti più recentemente, e siano quindi più adatti ai soggetti celiaci, per i quali è necessario eliminare completamente il glutine dalla dieta. Non esiste la certezza che i grani antichi debbano essere preferiti a quelli moderni per tutelare la nostra salute. Essi sicuramente rappresentano una importante risorsa per conservare la biodiversità agroalimentare e recuperare le tradizioni culturali del nostro Paese.

 

Articoli Correlati

Dolori ai muscoli:è l'acido lattico?

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità

Ma contro il cancrogli screening servono?

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità

Pane e pastacon farmaci del diabete?

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità