Il Faust di Goethe secondo Tiezzi

  • Teatro Milano

MILANO La crisi dell’io nel suo rapporto con la realtà. Così il regista Federico Tiezzi  torna a riflettere su un tema a lui caro dopo le messinscene di “Freud e l’interpretazione dei sogni” di Massini, “La Signorina Else” di Schnitzler e “Antigone” di Sofocle. Lo fa, da stasera al primo marzo, al Teatro Grassi con il suo nuovo spettacolo, “Scene da Faust” di Goethe, nella versione italiana firmata da Fabrizio Sinisi.

Accanto a Marco Foschi nel ruolo di Faust, a Sandro Lombardi nel ruolo di Mefistofele, e a Leda Kreider in quello di Margherita,  sul palco gli attori dell’ultimo biennio del Teatro Laboratorio della Toscana. 

Goethe lavorò a questo testo per sei decenni, dal 1772 al 1831, costruendo un’opera monumentale sulla figura del medico e mago cinquecentesco Faust che aspira alla totalità della conoscenza e all’eterna giovinezza e che, per ottenerle, è disposto a vendere la propria anima al diavolo Mefistofele.

Rifacendosi a Freud che, nel 1923, in un suo saggio su un caso di “nevrosi demoniaca” del diciassettesimo secolo, scriveva come il Diavolo non fosse altro che la proiezione dell’inconscio turbato sul mondo reale, Tiezzi  rilegge Mefistofele come un doppio di Faust, un’entità psichica creata e sorta dalla vita interiore in cui dimora nell’ombra. 

Allo stesso tempo, il regista toscano esplora il rapporto conflittuale tra l’intellettuale, stanco di teorizzare e di lavorare sulle idee, e la realtà, il mondo fisico e biologico, sentimentale ed emotivo, che gli sfugge (Info: piccoloteatro.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati
Teatro Milano

Con “BiograVie” il teatro diventa on demand

Da venerdì sulla piattaforma Kebi debutterà “BiograVie” di Alberto Oliva con Caro Decio
Teatro Milano

Longhi: «Il Piccolo per la città»

Claudio Longhi, già direttore di Emilia Romagna Teatri, dal primo dicembre al Piccolo ha presentato le linee guida del Teatro
Teatro Milano

Cinzia Spanò e la sentenzadella giudice De Nicola

Di scena all'Elfo Puccini fino al primo novembre “Tutto quello che volevo - Storia di una sentenza”