Ghost, il musical di magiche illusioni

  • Ghost il musical

MILANO Un film campione d’incassi che emoziona a ogni sua visione. È “Ghost”, la pellicola del 1990 con Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg, che, da stasera all’1 marzo, è pronto a commuovere, in versione musical, il pubblico degli Arcimboldi. Con una ritmatissima colonna sonora pop-rock, arrangiata da Dave Stewart, ex componente degli Eurythmics, e da Glen Ballard, tra gli autori della musicista canadese Alanis Morissette, “Ghost – Il Musical” vanta qui la regia e la scenografia di Federico Bellone che promette effetti speciali da Oscar. È il modo migliore per ricreare sul palco questa storia che indaga il senso dell’amore quando vive oltre il tempo. Gli effetti speciali, con il fantasma di Sam e degli altri personaggi che prendono forma entrando e uscendo dai corpi o passando attraverso le porte, sono firmati da Paolo Carta, mago dell’illusionismo.

«In un musical come Ghost – ha spiegato Carta – è facile immaginare come alcuni effetti possano fare la differenza. Vedere il protagonista passare attraverso la porta come un fantasma, l’anima di un defunto entrare improvvisamente nel corpo della medium, oggetti che si muovono inspiegabilmente fa sì che il pubblico dimentichi di essere in presenza di una finzione scenica». Un musical, thriller romantico, che è forte anche di eccellenti performer sul palco come Mirko Ranù, Giulia Sol, Thomas Santu e Gloria Enchill (Info: teatroarcimboldi.it).

 

 

ANTONIO GARBISA