Domenica in bici e a piedi con qualche furbetto

  • Milano

In due ore e mezza su 621 controlli sono state  162 le multe per non aver rispettato il divieto di circolazione dalle 10 alle 18 per la domenica a piedi a Milano, la prima dal 2015. Una sanzione salatissima per il mancato rispetto dell'ordinanza, di 164 euro. Una misura contestata dal centrodestra ma voluta dal sindaco Sala dopo settimane di superamento dei limiti di polveri sottili. Tra i contestatori i leghisti Silvia Sardone e Stefano Bolognini  che si sono presentati in calesse ironizzando sulla «decrescita felice» che sarebbe promossa da Sala.
l'assessore comunale a Mobilità e Lavori pubblici Marco Granelli ieri mattina ha colto l’occasione per presentare la nuova flotta di monopattini elettrici in sharing: «Grazie anche ai cambiamenti normativi, oggi con il monopattino si può andare in tutte le strade urbane dove vanno le biciclette. Stiamo lavorando anche con il ministero e con Anci per riuscire a regolamentare bene l'uso di questi monopattini, in modo che si possa viaggiare in sicurezza». Quanto alla domenica senz’auto ha ricordato che «servono le misure strutturali, ma anche le domeniche come queste, perché se in un mese abbiamo avuto solo 3 giorni di aria veramente pulita, allora dobbiamo tutti lavorare insieme».
In serata una stoccata ai critici dal sindaco Beppe Sala sul suo profilo Instagram: «Ma quanto è debole, vulnerabile, una società che non può fare a meno per otto ore delle automobili?. Buona serata, cari milanesi».

Articoli Correlati

Guaio camici per Fontana

Per i pm quella di Dama - la società dei parenti del Presidente - non sarebbe stata una donazione

Street art anti violenzasulle saracinesche

E' il progetto Amabilità di Libere Sinergie e IED Milano

Caso camici, indagatoil cognato di Fontana

Per una fornitura alla Regione Lombardia