Scala, Roberto Bolle danza Roland Petit

  • Milano/Danza

MILANO Con cinque gemme coreografiche e musicali va in scena, da oggi all’8 febbraio, al Teatro alla Scala “Serata van Manen-Petit”, un tributo a due icone della storia della coreografia che hanno segnato la danza del nostro tempo, Hans van Manen e Roland Petit. Si tratta di una tappa del ciclo di balletti su musica da camera, simbolo di uno stile inconfondibile che si lega  al tessuto musicale.

Attesissimo è il ritorno di Roberto Bolle protagonista, nelle recite da stasera al 1° febbraio, de “Le Jeune homme et la Mort”, capolavoro esistenzialista di Petit. Accanto a lui,  Nicoletta Manni.

In scaletta, anche  alcuni pezzi cult di van Manen come “Adagio Hammerklavier”,  un classico del XX secolo, e due suoi brani, mai eseguiti prima dal Balletto scaligero, come “Sarcasmen”, con Nicoletta Manni e Claudio Coviello e, in altre recite, Martina Arduino e Nicola Del Freo,  con il pianista James Vaughan sul palco, e “Kammerballett” con otto danzatori in scena.

Momenti che rivelano tutta la maestria di van Manen nell’uso dello spazio e della struttura di uno stile puro, ma con un substrato fortemente espressivo nell’attenzione alle dinamiche, anche conflittuali, ironiche e mai astratte. 

La cifra di Roland Petit è  omaggiata dalla messinscena de “Le combat des anges” che vede affiancarsi nel dualismo luce e ombra, bene e male, Claudio Coviello e Marco Agostino in alternanza con Domenico Di Cristo e Gabriele Corrado (Info: teatroallascala.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Bertoni/Abbondanza per il Pitecantropo free jazz

Per “Da vicino nessuno è normale” da stasera all’ex Pini la compagnia presenta la rilettura dell’album di Mingus

Cristiana Morganti danza Pina Bausch

La storica interprete del Tanztheater di Wuppertal al Teatro dell’Arte nel suo “Moving with Pina”

MilanOltre 2018riparte dalla Corea

La rassegna curata da Rino De Pace, al via oggi all'Elfo Puccini, punta sulla Corea del Sud e sulla Cina