Preso il picchiatore di Greco e Maggiolina

  • Milano

Città Un picchiatore seriale di sconosciuti che per sette anni ha agito indisturbato, prendendo a pugni ignari passanti che avevano la sola colpa di aver incrociato il suo cammino. Fino a domenica scorsa, quando il 48enne è stato arrestato per una lunga serie di aggressioni. Vito T., senzatetto nato in Svizzera e da sempre residente in Italia, era diventato l’incubo dei residenti di Maggiolina e Greco. 
Solo a gennaio avrebbe ferito un uomo e due donne, tutti avvicinati, insultati e poi colpiti. Il caso più grave è avvenuto il 18 gennaio scorso, quando una donna di 51 anni è stata colpita in piazza Carbonari con un gancio destro che le ha rotto il naso, provocandole lesioni guaribili in 41 giorni. Sempre secondo l’accusa, il 4 gennaio aveva spinto un uomo di 80 anni che stava coltivando un campo dietro il cimitero di Greco. Il 5 gennaio, invece, avrebbe colpito una insegnante  62enne con un pugno al volto, mentre portava a spasso i suoi cani in via Comune Antico. Il 7, all'interno dell'area cani di piazza Carbonari, avrebbe tentato di aggredire un altro pensionato 79enne,  ma è stato bloccato da alcuni passanti. T. è stato individuato grazie alle testimonianze dei residenti. Una volta riconosciuto, gli investigatori hanno scoperto che è stato protagonista di un lungo elenco di episodi violenti a partire dal 2013, tra minacce, lesioni e altre aggressioni.

Articoli Correlati

I fondi Covid nelle tasche delle 'ndrine

Alle società controllata dai clan arrivati almeno 65 mila euro. E puntavano a un prestito agevolato da 150 mila eruo

Contributi Covid alle imprese delle cosche

Sgominata maxi frode sui fondi per l'emergenza

Allarme dei medici«Prepariamoci all'autunno»

L'ordine lombardo teme influenza più il Covid