Pm10 sotto la soglia sospesi tutti i blocchi

  • Milano

Ambiente «Sono bastati due giorni di condizioni meteo-climatiche appena un po’ più favorevoli, qualche pioggia e un po’ di vento e la qualità dell’aria in Lombardia è rientrata al di sotto del limite di 50 µg/m³». Così ieri l’assessore regionale all’Ambiente, Raffaelle Cattaneo, ha annunciato da oggi la fine dei divieti e delle limitazioni anti-smog di primo e di secondo livello nei comuni con più di 30 mila abitanti e in quelli aderenti su base volontaria nelle province di Milano, Cremona, Pavia, Lodi e Mantova. Per due giorni consecutivi, infatti, i valori medi di Pm10 sono stati al di sotto del limite previsto. La Regione ha fatto però sapere che restano in vigore le misure di primo livello nei comuni della provincia di Monza e Brianza. Qui la revoca sarà valutata oggi, qualora si registrassero valori sotto la soglia, uniti a previsioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti. Ma Cattaneo, reduce ieri da un incontro in prefettura con il ministro dell’Ambiente Costa, è andato oltre: «Oggi (ieri, ndr) i dati ci dicono che in tutta la Lombardia i dati del Pm10 sono al di sotto del limite. La qualità dell’aria è certamente migliorata. Tutto questo conferma che la criticità dei giorni passati è legata a condizioni climatiche sfavorevoli, non appena il clima diventa più amico i valori della qualità dell’aria rientrano sotto i limiti, a conferma dell’efficacia e l’adeguatezza dei provvedimenti adottati dalla Regione». Per l’assessore, quindi, le misure – emergenziali – abbracciate dal Pirellone per arginare la terza aria peggiore del globo, sono più che sufficienti e stanno funzionando. Come dire: milanesi volete respirare decentemente? Sperate che piova per sempre. Andrea Sparaciari

 

Articoli Correlati

I fondi Covid nelle tasche delle 'ndrine

Alle società controllata dai clan arrivati almeno 65 mila euro. E puntavano a un prestito agevolato da 150 mila eruo

Contributi Covid alle imprese delle cosche

Sgominata maxi frode sui fondi per l'emergenza

Allarme dei medici«Prepariamoci all'autunno»

L'ordine lombardo teme influenza più il Covid