Contrabbando di ghepardi ogni mese via 4 cuccioli

  • etiopia

Almeno quattro cuccioli di ghepardi vengono portati clandestinamente fuori dall'Etiopia ogni mese, secondo l'Ethiopia Wildlife Wildlife Conservation Authority (WCA). Il direttore della WCA Daniel Pawlos ha affermato che la gente del posto è stata attirata nel catturare i cuccioli grazie ai soldi. Ogni cucciolo viene infatti pagato dai 10.000 a 15.000 birr etiopi (da 310 a 466 dollari). I cuccioli vengono prima contrabbandati ad Hargeisa, la capitale della repubblica autoproclamata del Somaliland, e poi trafficati in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti attraverso lo Yemen, secondo Palos, che ha detto che i cuccioli sono stati venduti sul mercato nero per oltre 10.000 dollari ai ricchi che vogliono tenerli come animali domestici esotici e come status symbol.

Contrabbando. Pawlos ha aggiunto che anche i cuccioli vengono contrabbandati e scambiati illegalmente.  "Lo scorso agosto, un uomo etiope è stato arrestato in Somaliland per aver trafficato un cucciolo di leone. Siamo riusciti a riportare il cucciolo in Etiopia e a metterlo nel nostro centro di salvataggio", ha affermato Pawlos.     La scorsa settimana, le forze di sicurezza in Arabia Saudita hanno arrestato un certo numero di persone accusate di aver tentato di contrabbandare ghepardi nel Paese.    I conservazionisti affermano che molti degli animali muoiono lungo il percorso e avvertono che il commercio illegale sta minacciando di spazzare via le popolazioni di ghepardi in Paesi come la Somalia e l’Etiopia.

Articoli Correlati

Enorme sciame di locusteaereo rinuncia ad atterrare

Un aereo Ethiopian Airlines costretto a non effettuare l'atterraggio nella città di Dire Daua dopo aver colpito uno sciame di locuste

Etiopia, "Quel Boeingera troppo veloce"

Etiopia, ascoltato audio di una conversazione tra torre di controllo e pilota

Trump ferma i voli dei 737Boeing crolla a Wall Street

Gli Usa stoppano i voli del Boeing, il titolo crolla a Wall Street. La Germania rifiuta di esaminare le scatole nere