La lezione della Segre «Imparate dall'eroe Andrea Schivo»

  • Milano

Sono 28 le nuove Pietre d'Inciampo, piccoli sampietrini ricoperti di ottone con i nomi delle vittime ideate dall’artista tedesco Gunter Demnig  che saranno posati domani e venerdì 17 gennaio in 21 vie cittadine, davanti alle  abitazioni dei deportati nei lager che non sono ritornati. A presentare l'iniziativa, che porterà a 90 il numero delle pietre posate dal 2017 ad oggi a Milano, ieri anche la senatrice Liliana Segre che le ha definite un «funerale per chi non l’ha avuto» e che si è soffermata in particolare sul tema della scelta e sulla figura di Andrea Schivo, una guardia carceraria di San Vittore, arrestato, deportato e ucciso perché scoperto ad aiutare gli ebrei detenuti nel carcere. «Voglio andare assolutamente alla posa della pietra d'inciampo davanti al carcere di San Vittore e dedicata a Schivo - ha annunciato la senatrice a vita nel suo intervento in consiglio comunale davanti ai ragazzi delle scuole- perché io le ho viste le guardie di San Vittore, non erano come lui, avevano paura e la paura non è mai una buona consigliera, la paura fa sì che l'uomo non faccia la scelta».

Articoli Correlati

Guaio camici per Fontana

Per i pm quella di Dama - la società dei parenti del Presidente - non sarebbe stata una donazione

Street art anti violenzasulle saracinesche

E' il progetto Amabilità di Libere Sinergie e IED Milano

Caso camici, indagatoil cognato di Fontana

Per una fornitura alla Regione Lombardia