La lezione della Segre «Imparate dall'eroe Andrea Schivo»

  • Milano

Sono 28 le nuove Pietre d'Inciampo, piccoli sampietrini ricoperti di ottone con i nomi delle vittime ideate dall’artista tedesco Gunter Demnig  che saranno posati domani e venerdì 17 gennaio in 21 vie cittadine, davanti alle  abitazioni dei deportati nei lager che non sono ritornati. A presentare l'iniziativa, che porterà a 90 il numero delle pietre posate dal 2017 ad oggi a Milano, ieri anche la senatrice Liliana Segre che le ha definite un «funerale per chi non l’ha avuto» e che si è soffermata in particolare sul tema della scelta e sulla figura di Andrea Schivo, una guardia carceraria di San Vittore, arrestato, deportato e ucciso perché scoperto ad aiutare gli ebrei detenuti nel carcere. «Voglio andare assolutamente alla posa della pietra d'inciampo davanti al carcere di San Vittore e dedicata a Schivo - ha annunciato la senatrice a vita nel suo intervento in consiglio comunale davanti ai ragazzi delle scuole- perché io le ho viste le guardie di San Vittore, non erano come lui, avevano paura e la paura non è mai una buona consigliera, la paura fa sì che l'uomo non faccia la scelta».

Articoli Correlati

Fnm ora punta sul treno Hyperloop

Firmerà un accordo per uno studio di fattibilità con la società che propone il convoglio a lievitazione. Si punta al Cadorna-Malpensa in 10 minuti

Bambino ucciso Il padre a processo

L'uomo sarà in aula il 27 aprile. Secondo l'accusa avrebbe torturato il piccolo di due anni per due giorni consecutivi, prima di dargli il colpo di grazia

Mucca evade dal macelloe incorna ragazzina

Solo contusione per la 17enne. Abbattuto l'animale