Airflow, di scena al CES l'innovazione Chrysler

  • Auto novità

AUTO La Airflow Vision Concept presentato al Ces 2020 di Las Vegas è un progetto di design inedito basato sulla Chrysler Pacifica ibrida plug-in che anticipa alcune delle soluzioni che vedremo sui modelli premium di prossima generazione. La priorità è stata data all'esperienza utente, con un nuovo sistema dotato di menù personalizzabili e totalmente ridisegnati rispetto allo UConnect attuale. In più, è prevista la possibilità di condividere i contenuti con gli altri passeggeri mediante semplici gesti: il display principale si trova al centro della plancia, mentre gli altri schermi sono dedicati ai passeggeri. Ulteriori display gestiscono la climatizzazione e la strumentazione in un insieme che ridisegna completamente l'ambiente rispetto a tutti i modelli attuali del Gruppo FCA.

I colori chiari e i pellami scelti per le finiture puntano a elevare la qualità, mentre l'innovativa struttura di sostegno dei sedili libera spazio prezioso per le gambe. Ogni passeggero ha inoltre a disposizione delle preferenze individuali per l'illuminazione: in questo modo si creano ambienti separati all'interno del veicolo. Per quanto riguarda l'esterno della concept, il design esterno è caratterizzato dai grandi passaruota che si uniscono alle ruote senza stacco e da luci Led a tutta larghezza, mentre le prese d'aria anteriori e le proporzioni hanno un'aria sportiveggiante. Curiosa la scelta di non inserire badge di alcun marchio nei teaser ufficiali: la scelta della denominazione Airflow, tuttavia, rappresenta un omaggio ad un omonimo modello Chrysler che risale agli anni trenta.

CORRADO CANALI

Articoli Correlati

DS 7 Crossback E-Tensetre motori ed emissioni zero

L'ammiraglia con il motore in versione ibrida plug-in, ricaricabile con la presa e anche con l'andatura

Connettività BMWcon Android Auto

Da metà anno la Casa tedesca introdurrà la novità tecnologica sulle sue vetture

La concept Vision Avtrè il futuro Mercedes

L'Advanced Vehicle Transformation richiama "Avatar". Spariti i comandi tradizionali