“Il caso W”, processo a Woyzeck

  • Torino/Teatro

TORINO Un ritorno alle scene di un grande “irregolare” del teatro italiano, il Premio Ubu Claudio Morganti, che sale, da stasera al 19 gennaio, per la prima volta, sul palco del Teatro Astra e del Teatro Piemonte Europa. Lo fa come protagonista  de “Il Caso W”, nuovo testo scritto da Rita Frongia che, con in mente il “Woyzeck” scritto nel 1837 da Georg Büchner, si concentra sul processo-farsa che portò alla condanna del barbiere disoccupato e senzatetto Johann Christian Woyzeck, decapitato nel 1824 a Lipsia per aver accoltellato la sua amante.

Il Caso W” riparte proprio da lì. Riapre il fascicolo giudiziario e lo confronta con controversi casi di ieri e oggi. Il lavoro mette in scena  un vero e proprio processo: quello mai scritto da Büchner, ma che effettivamente si svolse  concludendossi con l'esecuzione dell'imputato e nel quale si tentò di dibattere in aula, per la prima volta nella storia, sulla questione della capacità di intendere e di volere.

Qui, nel racconto di Morganti-Frongia, il grottesco nei tribunali è intrecciato con una serie di letture e approfondimenti non soltanto relativi al caso giudiziario di  Woyzeck e ai personaggi büchneriani, ma anche ad altri fatti emblematici della storia passata e presente e a personaggi come Pierre Rivière, Daniel Schmolling, Salvatore Parolisi, Pietro Pacciani, Claudio Grigoletto, Enrico IV e Vittorio De Sica (Info: fondazionetpe.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

La tromba di Fresu suona Baker

Da stasera al Carignano lo spettacolo di Muscato e della Perini ripercorre la vita di Chet Baker

Massimiliano Civica rilegge Antigone

Da questa sera a domenica di scena al Teatro Astra

La Pivetti si sdoppia per “Viktor und Viktoria”

Dpodomani e domenica sul palco dell’Alfieri l’attrice vestirà i doppi panni di Suzanne e Viktor