Il teatro delle feste tra varietà musical, balletto e lirica

  • Slava’s Snowshow teatro

MILANO Il teatro sembra non chiudere mai. Così accadrà anche, da oggi all’Epifania, con il moltiplicarsi sui palcoscenici milanesi di performance che renderanno uniche queste feste, passando dallo show al varietà, dal musical alla prosa, dall’opera lirica al balletto. Ad invitare alla spensieratezza saranno due spettacoli a lunga tenitura come i musical “Singin’ in the Rain”, di scena fino all’11 gennaio, al Teatro Nazionale CheBanca! con la regia di Chiara Noschese e “Charlie e la Fabbrica di Cioccolato” che, fino al 9 febbraio, incanterà la Cattedrale della Fabbrica del Vapore tra eccentrici e coloratissimi personaggi e fantasmagorici effetti speciali.

Al Nuovo continuerà invece fino al 12 gennaio il successo della versione italiana, firmata da Claudio Insegno, del pluripremiato musical “Kinky Boots”, favolosa celebrazione sull’amicizia. Agli amanti della magia a ritmo di musica guarderà invece l’Orchestra Italiana del Cinema che sbarcherà, il 27 e 28 dicembre, agli Arcimboldi per presentare, in prima assoluta italiana, “Harry Potter e il Calice di Fuoco™ in Concerto”, quarto capitolo della celebre saga di J.K. Rowling. E la magia s’impossesserà anche, dal 2 al 6 gennaio, del Teatro Manzoni con un festival ad hoc ideato e condotto da Raul Cremona. Un classico del teatro senza parola, ideale per adulti e bambini, sarà siglato invece, dal 27 dicembre al 12 gennaio allo Strehler, da “Slava’s Snowshow”, geniale spettacolo cult della neve.

Ma Natale sarà da vivere anche tornando bambini con le marionette della Carlo Colla & Figli in una nuova messinscena, dal 27 dicembre al 5 gennaio al Grassi, di “Dalla Terra alla Luna”, una favola in musica con protagonista il principe Capriccio e il suo ostinato desiderio di arrivare a calpestare il suolo del nostro satellite. A tutta danza contemporanea si muoverà invece il Carcano che proporrà, da domani a domenica, “Vivaldiana”, l’ultimo lavoro di Mauro Astolfi e della Compagnia Spellbound Contemporary Ballet, passando poi il testimone, dal 30 dicembre al 6 gennaio, agli atletici Kataklò per un’edizione speciale di “Eureka” per il 25esimo compleanno della compagnia. A scaldare ad Assago il palcoscenico del Teatro della Luna ci penserà, da dopodomani al 28 dicembre, un family show come “Tilt” con i migliori artisti del Cirque du Soleil e del Circo contemporaneo mondiale, seguito, dal 31 dicembre, con uno speciale Capodanno con lenticchie, panettone e brindisi di mezzanotte, all’8 marzo, da “Non ci resta che ridere”, il nuovo spettacolo degli inossidabili I Legnanesi.

Sul pentagramma della classica si creeranno invece i tradizionali “Concerti di Natale”: da quello ad ingresso libero in Duomo di domani, alle 19.30, su musiche di Bach eseguite dall’Ensemble laBarocca diretta da Ruben Jais a quello in Scala di domani e dopodomani, alle 20, con “L’enfance du Christ” di Berlioz diretta da John Eliot Gardiner. E, sempre al Piermarini, continueranno le repliche della pucciniana “Tosca” con il debutto, dal 2 all’8 gennaio, del soprano Saioa Hernández nel ruolo del titolo e le repliche fino al 14 gennaio del balletto “Sylvia” di Delibes con la coreografia di Manuel Legris.

 

 

ANTONIO GARBISA