Una “Cenerentola” un po’ folleggiante

  • Cenerentola Virna Toppi

MILANO “Cenerentola” torna a far sognare stasera, alle 21, in data unica, al Teatro degli Arcimboldi. Così sbarca in città il balletto in due atti di Luciano Cannito, su musica originale di Sergei Prokof’ev, rappresentato da Roma City Ballet Company, una delle più recenti formazioni italiane. È la 27enne Virna Toppi, prima ballerina del Teatro alla Scala dallo scorso marzo e principal dancer del Bayerische Staatsballet di Monaco di Baviera, a interpretare questa “nuova” Cenerentola. Al suo fianco, nel ruolo del Principe, Alessandro Staiano, primo ballerino del Teatro San Carlo di Napoli e guest artist internazionale, mentre a vestire i panni della perfida matrigna è Manuel Paruccini, primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma.

Nella versione di Luciano Cannito, coreografo particolarmente attento alla struttura narrativa del balletto, la storia, tratta dalla celebre fiaba di Charles Perrault, si arricchisce di un pizzico di follia, comicità e divertimento senza tralasciare la spettacolarità, soprattutto nelle scene del secondo atto con il grande salone da ballo. «Il balletto della storia universale di Cenerentola – ha spiegato Cannito – aggiunge al fantastico del racconto attraverso le immagini e la grande danza, il fantastico del desiderato da tutti: realizzare i nostri sogni nei momenti più bui della nostra vita e soprattutto realizzarli quando non ce lo aspettavamo più» (Info: teatroarcimboldi.it).

 

 

ANTONIO GARBISA