Sala: «Milano chiede scusa alla famiglia Pinelli»

  • Milano

«Albero dedicato a Giuseppe Pinelli, ferroviere, anarchico, partigiano, 18esima vittima innocente in seguito strage di Piazza Fontana a 50 anni dalla tragica morte in suo ricordo nel quartiere in cui abitò». È con questa targa in marmo e con una quercia rossa che Milano ricorderà Giuseppe Pinelli, a 50 anni dalla morte, avvenuta durante un interrogatorio per la caduta da una finestra della questura di Milano nella notte tra il 15 e il 16 dicembre 1969, tre giorni dopo la strage di Piazza Fontana. Un episodio tragico che resta uno dei tanti misteri di quella stagione.
   Durante la cerimonia di piantumazione dell’albero a cui hanno preso parte un centinaio di  persone, compreso il prefetto di Milano, Renato Saccone, il sindaco Giuseppe Sala ha chiesto scusa alle figlie di Pinelli, Silvia e Claudia:  «La mia presenza qui è per chiedere scusa e perdono alla famiglia a nome della città per quello che è stato». «Oggi dopo  cinquant'anni l’amministrazione comunale, con questo gesto, ci ricorda che Milano è e resta una città antifascista. Ricorda un anarchico, staffetta partigiana e ferroviere: un gesto importantissimo di cui non possiamo non essere grate» ha commentato Silvia Pinelli.
Oggi il giorno clou delle celebrazioni per il cinquantenario della strage di Piazza Fontana: alle 14,30 ci sarà un consiglio comunale straordinario a cui parteciperà anche il Presidente Sergio Mattarella, che sarà visibile su maxi schermo all'Ottagono della Galleria.  Alle 16 da piazza della Scala  partirà il corteo. In mattinata alle 10,30 un convegno alla Statale in via Conservatorio 7 con tra gli altri Nando dalla Chiesa e Benedetta Tobagi.

Articoli Correlati

Guaio camici per Fontana

Per i pm quella di Dama - la società dei parenti del Presidente - non sarebbe stata una donazione

Street art anti violenzasulle saracinesche

E' il progetto Amabilità di Libere Sinergie e IED Milano

Caso camici, indagatoil cognato di Fontana

Per una fornitura alla Regione Lombardia