Per i fuorisede uno sportello virtuale

  • Milano

Nelle università pubbliche milanesi i posti letti negli studentati messi a bando per il diritto allo studio sono complessivamente 2.188 (Statale, Bicocca, Politecnico e Accademia di Brera, che rientra nel sistema di alta formazione) e sebbene da sole costituiscono il più grosso bacino con quasi 150mila studenti,  i tre quarti del totale, non riescono a coprire neppure il fabbisogno degli studenti idonei alla residenza studentesca, ma che ne rimangono esclusi. E quindi migliaia sono costretti a rivolgersi al privato con un costo medio stimato di una stanza singola di circa 550 euro, in doppia 350 euro. È partendo da questi dati e dall’emergenza del caro affitto che a Milano coivolge complessivamente 100mila studenti  fuorisede che ieri Massimo Bonini, segretario generale della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano, Stefano Chiappelli, segretario generale del Sunia Milano, Giuseppe Ingoglia- coordinatore dell’Udu Milano (Unione degli Universitari) hanno lanciato il progetto di  uno sportello per ora su facebook, “trovo affitti” a canone concordato per studenti universitari. Una piattaforma esclusivamente dedicata all’offerta di questa tipologia di contratti, che possono essere applicati anche alle singole camere, i cui costi sono più sostenibili rispetto al libero mercato, con differenze del 20%-30%. L’idea è che poi il gruppo facebook si trasformi in uno sportello reale per venire incontro alle esigenze degli studenti

Articoli Correlati

Guaio camici per Fontana

Per i pm quella di Dama - la società dei parenti del Presidente - non sarebbe stata una donazione

Street art anti violenzasulle saracinesche

E' il progetto Amabilità di Libere Sinergie e IED Milano

Caso camici, indagatoil cognato di Fontana

Per una fornitura alla Regione Lombardia