Con la carne rossa viene il cancro?

  • sani fake

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità www.issalute.it

Il dibattito su reali rischi e benefici della carne rossa è sempre più acceso, supportato da studi scientifici che ne associano il consumo a un aumento del rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro e altre malattie. È bene precisare che gli studi epidemiologici offrono dati di correlazioni che non possono essere interpretati come prove di un rapporto di causa-effetto. Ciò significa che si può parlare di aumento della probabilità che compaia la malattia, quando si consuma carne rossa o lavorata, ma non si può dire che la malattia comparirà sicuramente in conseguenza del loro consumo. È bene sottolineare che l’aumento del rischio di comparsa del tumore dipende dalla quantità e frequenza di consumo. Gli adulti non dovrebbero mangiare più di due volte a settimana una porzione, pari a 50 grammi, di carne lavorata (salumi, insaccati, carne in scatola, ecc.), e non più di tre volte una porzione, pari a 100-150 grammi, di carne rossa. Il consumo di carne rossa, tuttavia, va sempre definito in base alle condizioni individuali di salute e alla necessità, ad esempio, di ferro e vitamina B12, di cui è un “fornitore” prezioso.

Articoli Correlati

Con gli addominalila pancia sparisce?

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità

Per la mia insonniabasta una pillolina?

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità www.issalute.it

Ma i pesticidicausano la celiachia?

Le bufale sulla salute svelate su Metro dall'Istituto Superiore di Sanità