Legato mani e piedi trovato morto clochard

  • Milano

Hanno trovato il suo corpo in mattinata gli operai che stanno lavorando all'interno dell'aeroporto di Linate.  Aveva le mani e i piedi legati col fil di ferro. Si chiamava Davide Baruffini, aveva 42 anni ed era un senza fissa dimora, noto alle forze dell'ordine che presidiano l'aeroporto milanese, spesso meta di clochard in cerca di un ricovero notturno. Conosciuto come il trombettista perchè a volte portava con sè una tromba era seguito dai servizi sociali per problemi psicologici.

Il cadavere si trovava in un vialetto di servizio ai piedi del parcheggio multipiano P2, dalla parte di Novegro e al di là della sbarra. Il corpo era rigido, quindi era morto da parecchie ore e presentava solo una ferita evidente a una gamba, con una probabile frattura.
Sul posto sono intervenuti gli agenti della Questura, la scientifica e i detective della Squadra Mobile che, insieme al magistrato di turno Luisa Baima Bollone, stanno lavorando al caso ricostruendo pezzo per pezzo la vita della vittima nelle ultime settimane.  
Dal 27 luglio e fino a domenica 27 ottobre l’aeroporto di Linate è  chiuso per lavori di ristrutturazione, anche se durante questi mesi si sono tenuti eventi e concerti durante i weekend.

Articoli Correlati

Scuola: in 7 giorni +33% di positivi

Galoppano i contagi nelle aule di Milano. L'Ats: "Stiamo monitorando, perché la scuola ha sempre anticipato l'epidemia"

Le facevano beree poi le stupravano

In manette tre sudamericani accusati di aver violentato due minorenni mentre erano incoscienti. In un caso hanno anche filmato le violenze e poi diffuso i video

Col coltello aggredisce passanti e agenti, ucciso

L'uomo, un pregiudicato, è stato raggiunto da due colpi sparati da un poliziotto delle volanti