Car free day...con auto Proteste degli ecologisti

  • Milano

PALAZZO MARINO Il 22 settembre, quando sarà “car free day”, il Comune non chiuderà il traffico, come richiesto da un ordine del giorno di Milano Progressista approvato in estate dal Consiglio, ma prevedrà cinque iniziative simbolo (la prima venerdì 20 settembre), volte a ridurre l'uso dell'auto privata. Lo ha fatto sapere l'assessore alla Mobilità, Marco Granelli, durante la commissione consiliare dedicata all'emergenza climatica, quando ha detto: «Questo programma definito con le associazioni ci aiuta a dare un primo segnale». Per niente soddisfatta Anna Pirovano di Milano Progressista, ovvio. Ma critiche sono giunte anche dal Pd Carlo Monguzzi: «Il 22 è domenica e le auto si possono fermare. Sappiamo che c’è la Settimana della Moda, ma poiché la moda è la seconda industria più inquinante del mondo, gli stessi stilisti possono promuovere una giornata senz’auto...».  Aspro il commento di Andrea Ascari di Friday for Future: «La città non rinuncia neanche a una giornata senza auto. Continuare con la retorica che stiamo facendo meglio di altre città non abbatterà le emissioni. Il Comune avrebbe dovuto essere pronto a intraprendere scelte che non sarebbero piaciute ai cittadini. D’accordo col Comune, invece, Fabrizio De Pasquale di Forza Italia.

METRO

Articoli Correlati

I fondi Covid nelle tasche delle 'ndrine

Alle società controllata dai clan arrivati almeno 65 mila euro. E puntavano a un prestito agevolato da 150 mila eruo

Contributi Covid alle imprese delle cosche

Sgominata maxi frode sui fondi per l'emergenza

Allarme dei medici«Prepariamoci all'autunno»

L'ordine lombardo teme influenza più il Covid