La Scala porta bene a Woody Allen

MILANO Timido com’è, sabato sera ha assistito alla “prima” del “Gianni Schicchi” (di cui curava la regia) all’ultima fila del palco centrale. Poi, alla fine, hanno dovuto “costringerlo” a salire sul palcoscenico per ricevere i fragorosi applausi del pubblico. La Scala insomma ha detto bene a Woody Allen: si è persino fermato al tradizionale ricevimento post-prima con gli artisti (concedendo valanghe di selfie) quando tutti pensavano che sarebbe scappato via. Solo dopo ha lasciato Milano. Repliche (in accoppiata con Salieri, “Prima la musica e poi le parole”, per il Progetto Accademia) fino al 19.

S.RIZ.

Articoli Correlati

Effetto Covid sul Natale Consumi in picchiata

Calano i contagi in Lombardia

Green: ora la Lombardia vira sulla ferrovia a idrogeno

La Valcamonica sarà la prima “Hydrogen Valley” italiana: la linea Brescia-Iseo-Edolo avrà sei treni ecologici

Gallera: "Da sabato o lunedi in zona arancione"

Per l'assessore la Lombardia è pronta a riaprire parzialmente. "Vogliamo negozi aperti a Sant'Ambrogio"