Dai Pratoni del Vivaro al sogno di Tokyo 2020

  • Equitazione

Quattro amazzoni e sei cavalieri capitolini, dal 6 al 9 giugno, scenderanno in campo ai Pratoni del Vivaro - Centro Equestre Ranieri di Campello - per far loro il titolo di campione italiano assoluto di completo.

La prova che li aspetta corrisponde alla categoria internazionale 4 stelle che sarà valida anche come FEI Eventing Nations Cup, circuito con 7 tappe che, giunto al termine, consegnerà il lasciapassare per Tokyo 2020 alla migliore nazione non ancora qualificata. Quella ospitata presso il Centro Equestre Ranieri di Campello, è la seconda tappa e sarà l’unica a testare il nuovo format olimpico, su incarico della Federazione Equestre Internazionale.

Questa la carica dei romani: l’assistente della Polizia Penitenziaria Evelina Bertoli,  l’assistente della Polizia di Stato Marco Cappai,  il primo aviere scelto Andrea Cincinnati, il primo aviere capo scelto Fabio Fani Ciotti, l’agente delle Fiamme Azzurre Fosco Girardi, Arianna Guidarelli, il carabiniere Scelto Mattia Luciani, Costanza Mantici, l’agente della Polizia di Stato Pietro Roman (sopra, nella foto) e Martina Valilà.
A loro si aggiungono:  l’astigiano Marco Biasia, il ravennate Andrea Docimo e il parmigiano Tommaso Mondini.

(foto Massimo Argenziano)

Articoli Correlati
Equitazione

Olimpiadi, prove tecnichealla Eventing Nations Cup Series

La federazione equestre internazionale ha assegnato al comitato italiano di testare il format olimpico approvato dal Cio