Prefetto: no a CasaPound ma rimane il nodo del Monumentale

  • Milano

SICUREZZA CasaPound non potrà manifestare il 23 marzo in piazza San Sepolcro per il centenario dei Fasci di Combattimento. A stabilirlo, ieri, il Prefetto, dopo la riunione del Comitato per l’ordine pubblico. Sebbene al momento non sia stato presentato alcun preavviso di manifestazione per il 23 marzo, fa sapere la Prefettura,  «per evidenti e gravi ragioni di ordine e sicurezza pubblica non sarà consentita alcuna iniziativa in luogo pubblico che abbia carattere commemorativo o rievocativo». La nota esclude così la manifestazione pomeridiana in centro. Restano però aperte due questioni: la prima è quella del concerto della band del leader  neofascista Gianluca Jannone, “ZetaZeroAlfa”, che però si terrà in un luogo privato e quindi non è stato vietato.   

La seconda è quella  della commemorazione annunciata da CasaPound in mattinata al Monumentale.  E qui la faccenda diventa spinosa, perché non si tratta di una vera e propria manifestazione, visto che i militanti possono recarsi alla Cripta degli squadristi a titolo personale. Quindi neanche questo appuntamento è stato vietato. A rendere ancora più esplosiva la situazione, il contemporaneo presidio convocato dall’Anpi sempre al Monumentale. ANDREA SPARCIARI

Articoli Correlati

Contro la Dad proteste anche alle medie

Continuano le occupazioni simboliche

Occupazioni al liceoper protesta contro la DAD

Le iniziative dei collettivi al Severi Correnti, al Tito Livio e al Volta