Zona 30 a Corvetto “e la gente è contenta”

  • Milano

CITTA' Da domani, fino a domenica, va in scena al Corvetto un esperimento molto particolare. Nel triangolo formato dalle vie Scrivia, Don Bosco e Tagliamento e dalla piazza San Luigi, si attuerà, tra incontri e festicciole, una zona 30 (cioè a velocità ridotta a 30 km/h) temporanea. «Per convincere i residenti che una vita migliore è possibile», dice a Metro l’architetto Matteo Dondé, l’autore del progetto sostenuto da Genitori Antismog e FIAB Milano Ciclobby e approvato dal Comune. «“Zona 30, la gente è contenta” è un claim inventato da Lydia Bonanomi, madrina e pioniera, negli anni ‘70, della moderazione del traffico», dice Dondè, «e io posso dire che funziona, perché ho già fatto progetti simili a Reggio Emilia, a Terni e a Casalmaggiore (Cremona), quest’ultimo premiato dalla Ue. Il Comune di Milano andrà avanti, dopo questi 4 giorni. Spero che recepirà alcune delle nostre soluzioni».

Si usano dossi?
No, strumenti più semplici. La sosta oggi in via Scrivia è caotica. Noi la alterneremo da un lato all’altro della strada. A sinistra in linea, poi a destra a spina di pesce al contrario (con il muso delle auto rivolto verso il centro della strada) e così via. Per creare una “chicane”.

E poi?
Il restringimento degli attraversamenti pedonali, allargando i marciapiedi: qui diversi pedoni sono stati investiti. Lo scopo, in generale, è migliorare la qualità della strada come spazio pubblico. Il che dà valore agli immobili, pure.

Così è anche il paradiso dei ciclisti. E all’estero?
Parigi sarà per metà a “zone 30”. Bilbao lo è già interamente da questo mese.

SERGIO RIZZA
Twitter: @sergiorizza

Articoli Correlati

Uccise il vigile SavarinoVuole patteggiare per furto

Aveva appena finito di scontare la pena per aver travolto il vigile con un suv, quando fu incastrato per dei colpi in appartamento

Media Ciresola, presidioper il ritorno in classe

In viale Brianza i ragazzi di seconda e terza media tornano in classe, in presenza, ma la scuola, per loro, "non deve avere colori"

Guerra di carte bollate tra Lombardia e Governo sull'Rt

Si aspetta il parere del Tar. In arrivo class action