Eredità milionaria per il gatto Pilù

  • Animali

VERONA Il felino veronese “Pilù” è tra i gatti più ricchi del mondo. Era un trovatello ed ora si ritrova ricco ereditiero. O meglio «legato», visto che la legge italiana - a differenza di quanto avviene in Francia, Usa e Germania - non permette di nominare eredi animali. A rendere nota la vicenda sono stati i legali della Fondazione risparmiatori, ai quali Cecilia Anna D., classe 1930, ex funzionaria della presidenza del Consiglio con ultima residenza a Verona, si era rivolta. La donna è venuta a mancare due settimane fa: era nubile e senza figli. Così ha incaricato i legali di usare il suo patrimonio - che ammonta a circa un milione e mezzo di euro - per le esigenze del gatto “Pilù”: spese veterinarie, mantenimento e ogni altra necessità certificata.

METRO

Articoli Correlati

Cinghiali, l'emergenzanon è più rinviabile

xAppello degli agricoltori: «Riaprire la caccia». Ora il pericolo è la peste suina in Germania

Il Consiglio di Stato:«Mamma orsa resta libera»

Sospesa l'ordinanza del presidente della Provincia Autonoma di Trento per la cattura di JJ4

Il mistero delle balenespiaggiate in Tasmania

Corsa contro il tempo per salvare centinaia di cetacei ancora bloccati. L’esperto: «Esistono una serie di concause»