Cambellotti in mostra a via Margutta

  • mostre

Dalla rappresentazione de “La Nave” di Gabriele d’Annunzio, alla realizzazione di manifesti come quello per l’Esposizione Internazionale di Roma del 1911, passando per l'illustrazione figurata in tessuto colorato - ricca come un piccolo arazzo – dell'edizione di lusso delle “Favole” di Trilussa: le opere di Duilio Cambellotti, poliedrico artista italiano di arti grafiche e visive (1876-1960), saranno in esposizione per la prima volta, a partire da venerdì 27 ottobre alle ore 18, nello spazio espositivo W. Apolloni in Via Margutta 53 B, nella mostra “Io sono Cambellotti”. Artista di schietta romanità, cesellatore, scultore e illustratore di libri, Cambellotti concepì la sua arte come opera di divulgazione popolare e di educazione al bello per le masse, ma riuscì anche a imporre l'elegante idealizzazione di oggetti rustici – come i mobili e le maioliche – al pubblico borghese, favorendo la consapevolezza della bellezza propria degli strumenti del lavoro contadino. 

A Roma. Numerose le opere di Cambellotti disseminate a Roma; una tra tutte la Lupa Capitolina in bronzo, esposta all'Anagrafe e fusa dall'artista. Il catalogo della mostra “Io sono Cambellotti” è stato curato da Marco Fabio Apolloni e Monica Cardarelli, ed è stato arricchito dalla presentazione firmata dallo scrittore, vincitore del premio Strega nel 2010, Antonio Pennacchi.

"Io Sono Cambellotti", dal 27 ottobre al 23 dicembre, W. Apolloni - Via Margutta 23 B, orari: 10.30 - 13; 15.30 - 19

Articoli Correlati

Arte "a quattro mani"opere contro l'individualismo

Il progetto di Marco Tamburro, nato dalla collaborazione con tanti artisti internazionali, apre uno sguardo nuovo sull’arte e sulla società del terzo millennio

"Progetto a 4 mani"Artisti in campo per la condivisione

I progetti “A 4 mani”, nati negli anni '70, vengono ora riportati in auge dall'artista Marco Tamburro: “Anche l'arte è condivisione, eccone la prova”

Bnl Media Art FestivalLa scuola entra in scena

Tredici giovani artisti hanno allestito la mostra insieme a studenti di 12 scuole di Roma, Napoli e Milano, al museo MAXXI di Roma