Riforma, troppe lentezze nell'attuazione

  • Scuola

SCUOLA. In Italia parlare di riforme è diventata una consuetudine che si perde nella notte dei tempi. L'argomento è stato sempre presente nell'agenda della politica e non solo. Oggi, in un modo o nell’altro, si è passati da scenari ipotetici e lontani a una serie di provvedimenti che ridisegnano interi segmenti della società italiana. Uno scenario con luci e ombre che sarà affrontato compiutamente a Paestum il prossimo 3 giugno in occasione del seminario organizzato da Anquap, l’Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche. 

E tra le parole di Michele Ainis e quelle di diversi esponenti politici di tutto l’arco parlamentare ci sarà modo di tornare sugli aspetti positivi della Buona Scuola come pure sui tasti dolenti o le parti mancanti di questa complessa riforma, già introdotti dal Presidente Anquap Giorgio Germani: «Si registrano ritardi nell’attuazione della Legge di riforma che causano difficoltà di funzionamento alle scuole e perdurano le criticità concernenti i servizi amministrativi, tecnici ed ausiliari. I ritardi, tra l’altro, riguardano la ripartizione del finanziamento di 200 milioni alle Istituzioni Scolastiche per la valorizzazione del merito del personale docente e la definizione di modalità digitali per la rendicontazione dei 500 euro annui assegnati ai docenti per l'aggiornamento e la formazione».  

Un ragionamento serio e completo su una riforma tanto discussa su un tema divisivo ma strategico per il futuro delle prossime generazioni e dell'intero paese.

 

SARAH DE PIETRO

Articoli Correlati

Didattica a distanzaattenti alla netiquette

Nelle griglie di valutazione, tra le competenze, ci sarà il voto in condotta sul comportamento tenuto online

Alle elementarisi torna al giudizio

L'emendamento al dl Scuola approvato in commissione Istruzione. Dal prossimo anno addio al voto

Covid-19: un protocolloper far incontrare gli studenti

Il ministero dell'Istruzione al lavoro per consentire agli alunni delle "classi terminali" di salutarsi nell'ultimo giorno di scuola