Fermati due latinos per tentato omicidio

Milano. Hanno un nome i latinos che la sera del 3 luglio scorso in via Casterbarco a Milano, nei pressi della discoteca Lime Light, hanno accoltellato un ragazzo albanese di 19 anni, ridotto in coma permanente, e un salvadoregno di 21, che se l’è cavata con 120 punti di sutura. Si tratta del 20enne Omar Antonio Velasquez detto 'Chukinò, irregolare su territorio italiano, e del 21enne Mauricio Arturo Sanchez Soriano detto 'Peludò, regolare in Italia. Entrambi, affiliati alla banda criminale sudamericana MS-13, hanno recenti precedenti per rissa e porto abusivo di armi da taglio. Secondo la squadra mobile di Milano, che tra venerdì e sabato ha eseguito il fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio, Chukino avrebbe accoltellato il connazionale, mentre Sanchez Soriano, presente al primo episodio, l’albanese. L’indagine è coordinata dal pm Luca Poniz. I due si trovano ora al San Vittore.

LA PRESSE