Vacanze in auto?
Occhio alle multe

Maglia nera alla Romagna

con due località, Portofino ultima

E' tutto da dimostrare che si risparmi, in termini di salute soprattutto, ma è un fatto che in tempi di ristrettezze finanziarie le famiglie e non solo cercano di spostarsi per le vacanze usando l'auto. Soprattutto per raggiungere le seconde case. Ma dietro l'angolo incombe il rischio multe, anche queste frutto della crisi se, come sembra, i comuni cercano di rimpinguare le casse in tutti i modi dopo i tagli lacrime e sangue imposti dal governo Monti.
Ma quali località di vacanza in Italia sono maggiormente interessate dal fenomeno multe?  
Ha cercato di rispondere alla domanda  Bureau van Dijk (BvD) un'azienda multinazionale  che - fra l'altro - fabbrica software come il database AIDA PA che valuta lo stato di salute finanziaria degli enti pubblici locali: fra info, raccoglie anche le statistiche sulle sanzioni fornendo una panoramica sull’andamento delle multe in quelli che sono considerati i comuni preferiti da italiani e stranieri per le vacanze estive.


Maglia nera per le multe è la Romagna con ben due perle vacanziere sul podio: Rimini con oltre 4 milioni e 300 mila euro di multe nel 2010 è prima, inseguita da Gallipoli e Riccione che presentano comunque cifre da capogiro.

A quanto pare, per la maggior parte dei Comuni selezionati, gli accertamenti derivanti da sanzioni automobilistiche  sono cresciuti nel corso del triennio analizzato.


Il comune di Rimini, nonostante l’andamento altalenante dei valori - diminuiscono nel 2009 (3.409.903 euro) rispetto al 2008 (4.092.344 euro) per poi risalire nel 2010 (4.341.219 euro euro) - si colloca al primo posto nella non invidiabile classifica: in tutti i sensi, sia perché dimostra che lì si compiono molte infrazioni, sia perché indica una "spremitura" dell'automobilista in termini economici. Di contro ci si può consolare pensando che almeno i controlli li fanno...
Al secondo posto troviamo la Puglia con il comune di Gallipoli, che ha registrato quasi 3 milioni (2.949.070  euro) di accertamenti nel 2010. Riccione  segna una crescita nel triennio analizzato e si piazza al terzo posto, passando da 1.948.332 euro (2008) a 1.986.956 euro (2009), per concludere con 2.092.379 euro nel 2010.

Tropea pur non piazzandosi sul podio in termini di valore degli accertamenti, è sicuramente la realtà che ha riportato un incremento percentuale più considerevole. Il Comune passa infatti da 294.802 euro del 2008 a 467.375 euro nel 2009 per arrivare a 702.410 euro nel 2010.

In controtendenza invece è l’andamento delle multe che si registra per Comuni come Ischia, Portofino, Positano e Sperlonga che nel corso del triennio 2008-2010 vedono una riduzione del fenomeno. In particolare  è  il Comune di Portofino ad emergere in positivo. Oltre alla riduzione degli accertamenti nell’arco temporale esaminato, Portofino è il comune che in assoluto, tra quelli analizzati, ha registrato il valore di accertamenti più bassi (si passa da 92.000 euro del 2008 a 75.000 euro del 2010).

(Metro)

31/07/2012 17:41


emoTAG!



COMMENTI
INSERISCI UN COMMENTO
 
  Nome
  Email
       
  Titolo
  Testo
  Numero di caratteri disponibili 500
    il tuo indirizzo IP 54.234.228.64


* tutti i commenti registrati, prima di essere pubblicati, sono controllati dalla redazione
ultima ora
    Leggi tutte le notizie dell'ultima ora...

    metrophotochallenge
    Farsi Sentire
    ManicomioFootballClub
    metro viaggi
    metroblog
    metrojob
    Documento senza titolo
    N.M.E. - New Media Enterprise S.r.l. Sede Legale: Via Carlo Pesenti, 130 – 00156 Roma Tel 06 49241200 Fax 06 49241270
    P.IVA 10520221002 Testata registrata presso il tribunale di Milano al n. 225/20087 Direttore responsabile: Giampaolo Roidi - Amministratore unico: Mario Farina