Senza l'Area C
+ 25% di veicoli in un giorno

Al parcheggio Mediolanum

e fra i negozianti si brinda

Il giorno dopo la cancellazione di Area C l’incertezza sul futuro della congestion charge è totale. Il Tar delibererà sul merito  della decisione del Consiglio di Stato, ma sicuramente non sarà prima di metà settembre. Di certo c’è che chi è entrato mercoledì dovrà pagare, la sospensione vale solo da ieri. I dati Amat  accertano che ieri tra le 10,30 e le 11 i veicoli circolanti nella Ztl erano il 23% in più rispetto all’ultimo giorno di sospensione di Area C per sciopero dei mezzi (venerdì 22 giugno): in proiezione Amat calcola  25% in più di veicoli per tutto il giorno, in totale 98.700 contro una media di 80/85mila.   
Per lunedì  il presidente Monguzzi (Pd) ha convocato d’urgenza la commissione Mobilità: «La via maestra di intervento - scrive Monguzzi - potrebbe essere portare la questione ai primi di settembre in Consiglio» cambiando la delibera   da sperimentale a definitiva e «magari allargando l’area di intervento».   


Codacons suggerisce invece una deroga al ticket  per chi va al parcheggio (impossibile) dimenticando, come  sottolinea il sindaco Pisapia, che «non si è tenuto conto che il Comune ha già  convenzioni con tutte le autorimesse in Area C eliminando uno dei punti cardine del provvedimento del Consiglio di Stato».


Il parcheggio: "Clienti dimezzati dal pedaggio"
Qualcuno ha tirato un sospiro di sollievo, altri paventato ingorghi apocalittici. Ma tant'è. Da ieri telecamere spente e niente più ticket Area C. Non smette di squillare il telefono del Mediolanum Parking, che ha per ora vinto il ricorso al Consiglio di Stato contro Area C. Tra un telefonata di insulti e una di ringraziamenti i dipendenti commentano: «Abbiamo subìto perdite del 50%. L'Area C ha creato più disagi che benefici. E il traffico non è diminuito».


Felicità ai limiti della commozione anche per i piccoli commercianti di corso Venezia, come il titolare di una caffetteria: «Stamane ho rivisto clienti che non vedevo da mesi. Certo, la strada è più trafficata e sono rispuntate le macchine in seconda fila ma meglio così che avere un bar vuoto».



Gli scontenti: che traffico!
Camminando per piazza San Babila non è raro trovare qualche faccia imbronciata, come quella del signor. P.: «Già oggi il centro è congestionato, figurarsi nei prossimi mesi». E poi ci sono i disinformati. Nonostante due comandi dei vigili assicurino per telefono che i pannelli sono stati aggiornati, ai varchi e sulle tangenziali  non sempre è segnalata la sospensione. Anche il signor F., in edicola per acquistare un ticket,  all'annuncio della sospensione commenta incredulo: «È uno scherzo?». No, e allora i 5 euro finiscono in un gratta e vinci.


 



(Valentina Valente e Simona Mantovanini)



emoTAG!
27/07/2012 6:05



COMMENTI
INSERISCI UN COMMENTO
 
  Nome
  Email
       
  Titolo
  Testo
  Numero di caratteri disponibili 500
    il tuo indirizzo IP 54.204.66.38


* tutti i commenti registrati, prima di essere pubblicati, sono controllati dalla redazione
ultima ora
    Leggi tutte le notizie dell'ultima ora...

    metrophotochallenge
    metroshop
    Farsi Sentire
    ManicomioFootballClub
    metro viaggi
    metroblog
    metrojob
    Documento senza titolo
    N.M.E. - New Media Enterprise S.r.l. Sede Legale: Via Carlo Pesenti, 130 – 00156 Roma Tel 06 49241200 Fax 06 49241270
    P.IVA 10520221002 Testata registrata presso il tribunale di Milano al n. 225/20087 Direttore responsabile: Giampaolo Roidi - Amministratore unico: Mario Farina