La famiglia fa crac
dopo 15 anni di matrimonio

Se l'amore dura tre anni, parafrasando il romanzo di Beigbeder, dal quale è stato tratto un film, i matrimoni durano in media 15 anni. Le famiglie italiane sono quindi sempre più in crisi, i tassi di separazione e di divorzio totale mostrano per entrambi i fenomeni una continua crescita: se nel 1995 per ogni 1.000 matrimoni erano 158 le separazioni e 80 i divorzi, nel 2010 si arriva a 307 separazioni e 182 divorzi. Lo rileva il report Istat “Separazioni e divorzi in Italia”. Ma anche se la coppia scoppia, secondo i dati emerge che la scelta, nell'85% dei casi è consensuale.
Divorziati “maturi”
L'età media alla separazione è di circa 45 anni per i mariti e di 42 per le mogli; in caso di divorzio raggiunge, rispettivamente, 47 e 44 anni. Questi valori sono in aumento - dice l'Istat - per effetto della posticipazione delle nozze verso età più mature e per l'aumento delle separazioni con almeno uno sposo ultrasessantenne.
La tipologia di procedimento maggiormente scelta dai coniugi è quella consensuale: nel 2010 si sono concluse in questo modo l'85,5% delle separazioni e il 72,4% dei divorzi.
 Nel 20,6% delle separazioni è previsto un assegno mensile per il coniuge (nel 98% dei casi corrisposto dal marito). Tale quota è più alta nel Sud.
Over 60 in crisi
Non solo la crisi della coppia è massima tra i 35 e i 44 anni, non risparmia neppure gli ultrasessantenni. Nell'ultimo decennio le separazioni che riguardano uomini ultrasessantenni sono passate dal 5,9% al 9,9% del totale. Per le donne ultrasessantenni, nello stesso periodo, si registra un valore più che raddoppiato delle separazioni: dal 3,6% al 6,4%.


I numeri


30% delle coppie è destinato a separarsi secondo l’Istat. E l’età della rottura si è innalzata.


4,4 separazioni ogni mille riguarda i laureati. La cifra diventa 1,3 in caso di persone con licenza elementare.


70% delle separazioni riguarda matrimoni misti, quando gli uomini sono italiani e le donne straniere.


9% delle separazioni con figli vede l’affido esclusivo alla madre. La quota al padre rimane molto bassa.


90% delle coppie separate con figli ha chiesto l’affido condiviso. Modalità prevalente dopo il 2006.


2,6% L’aumento delle separazioni nel 2011 rispetto al 2010. I divorzi sono diminuiti dello 0,5%.


(Stefania Divertito)



emoTAG!
13/07/2012 6:05



COMMENTI
INSERISCI UN COMMENTO
 
  Nome
  Email
       
  Titolo
  Testo
  Numero di caratteri disponibili 500
    il tuo indirizzo IP 54.226.120.183


* tutti i commenti registrati, prima di essere pubblicati, sono controllati dalla redazione
ultima ora
    Leggi tutte le notizie dell'ultima ora...

    metrophotochallenge
    metroshop
    Farsi Sentire
    ManicomioFootballClub
    metro viaggi
    metroblog
    metrojob
    Documento senza titolo
    N.M.E. - New Media Enterprise S.r.l. Sede Legale: Via Carlo Pesenti, 130 – 00156 Roma Tel 06 49241200 Fax 06 49241270
    P.IVA 10520221002 Testata registrata presso il tribunale di Milano al n. 225/20087 Direttore responsabile: Giampaolo Roidi - Amministratore unico: Mario Farina