"Italia-Germania, noi favoriti
Ma solo in campo"

Italia Germania, ci risiamo. Dopo 42 anni da quel memorabile 4-3 che vide gli italiani nelle piazze, nelle fontane, organizzare caroselli per le strade, c'è ancora la Germania davanti a noi, e non solo nel calcio. È una doppia partita: sportiva e politico-economica. «Quella notte vincemmo in maniera memorabile, senza mezzucci, senza trucchetti, meritatamente».  A parlare è il vicepresidente della Camera, Rocco Buttiglione che, da filosofo, è un grande esperto del pensiero e della storia tedesca.
Professore, com’è il nostro avversario?
Intanto è un avversario che ci ama, anche se non ci stima: Goethe parla con tenerezza infinita della terra dove fioriscono i limoni. Tutta la cultura germanica è mermeata dal desiderio fortissimo di venire dove la civiltà è nata.
Però non perdono occasione per deriderci o per trattarci come i figlioletti minori e un po' discoli.
Loro in effetti non capiscono certi nostri atteggiamenti. Ma quando Kohl vide come era stato curato suo figlio in Italia dopo un incidente gravissimo mi disse: “Darei metà della nostra efficienza per avere metà della vostra umanità”. L’uomo europeo dovrebbe essere 50% efficienza tedesca e 50% umanità italiana.
Un pareggio che domani (oggi, ndr) non possiamo permetterci… In quale settore i tedeschi ci battono?
Dal punto di vista etico la convinzione che il merito vada premiato e il demerito punito.I tedeschi ce l'hanno anche se ogni tanto si affievolisce, noi ci siamo disabituati.
E poi sono più forti nel senso di responsabilità della classe politica. Schroeder, che politicamente mi è avversario, disse la verità agli elettori e andò incontro consapevolmente a una sconfitta elettorale. La Germania però ripartì con le riforme varate dalla Grosse Koalition, o centro-sinistra.
Noi invece abbiamo avuto Prodi e Berlusconi, che hanno rinnegato gli scaloni di Maroni per le pensioni e l'Ici per accontentare la gente, e ora ne paghiamo le conseguenze. Per questo se a Varsavia giovedì i favoriti siamo noi, a Bruxelles lo stesso giorno per il vertice europeo in vantaggio partono loro.
Ed è difficile che escano battuti.
Ma lì l’ideale è vincere insieme.


(Stefania Divertito)



Ma solo in campo"
" data-mode="iframe" >emoTAG!
28/06/2012 6:00



COMMENTI
INSERISCI UN COMMENTO
 
  Nome
  Email
       
  Titolo
  Testo
  Numero di caratteri disponibili 500
    il tuo indirizzo IP 54.87.156.29


* tutti i commenti registrati, prima di essere pubblicati, sono controllati dalla redazione
ultima ora
    Leggi tutte le notizie dell'ultima ora...

    metrophotochallenge
    Concorso Fotografico
    Farsi Sentire
    ManicomioFootballClub
    metro viaggi
    metroblog
    metrojob
    Documento senza titolo
    N.M.E. - New Media Enterprise S.r.l. Sede Legale: Via Carlo Pesenti, 130 – 00156 Roma Tel 06 49241200 Fax 06 49241270
    P.IVA 10520221002 Testata registrata presso il tribunale di Milano al n. 225/20087 Direttore responsabile: Giampaolo Roidi - Amministratore unico: Mario Farina